Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

All'Ebri di Levi Montalcini un milione di euro dal Mur

All'Ebri di Levi Montalcini un milione di euro dal Mur

Il ministro Bernini, allo studio uno stanziamento strutturale

15 febbraio 2024, 10:26

Redazione ANSA

ANSACheck

Il Nobel Rita Levi Montalcini e ricercatori dell 'Ebri (fonte: Fondazione EBRI) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Nobel Rita Levi Montalcini e ricercatori dell 'Ebri (fonte: Fondazione EBRI) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Il Nobel Rita Levi Montalcini e ricercatori dell 'Ebri (fonte: Fondazione EBRI) - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Ebri voluto dal Nobel Rita Levi Montalcini potrà proseguire la sua attività, grazie al milione di euro assegnato dal ministero per l'Università e la Ricerca. L'annuncio è arrivato dal ministro Anna Maria Bernini con un post sulla piattaforma X, accolto con soddisfazione dal presidente della Fondazione Ebri, Antonino Cattaneo. "Impegno mantenuto", ha scritto il ministro riferendosi alla promessa fatta all'Istituto europeo per le ricerche sul cervello nel gennaio scorso, dopo che il mancato finanziamento nella Legge di Bilancio aveva fatto temere la chiusura. Adesso si guarda al futuro e il prossimo passo sarà garantire al centro di ricerca un finanziamento strutturale.

"Non ci fermiamo qui", ha scritto ancora Bernini. "Stiamo già studiando uno stanziamento strutturale che, a differenza del passato, dia garanzia di continuità al lavoro dell'Istituto. La ricerca è una priorità del Governo perché rappresenta un fondamentale motore di progresso e sviluppo per la nostra società". Un impegno, questo, particolarmente apprezzato dal presidente della Fondazione Ebri, Antonino Cattaneo. "Siamo molto contenti e ringraziamo la ministra di avere sottolineato l'importanza di uno stanziamento strutturale. È la prima volta in molti anni - ha rilevato - che questo argomento è sul tavolo e che le istituzioni, nella persona del ministro e nel Mur, si pongano il tema di dare continuità alla ricerca dell'Ebri".

Per il presidente dell'Ebri, che con Rita Levi Montalcini ha collaborato a lungo, "questo impegno riconosce il valore strategico che la ricerca sul cervello riveste per il nostro Paese". Auspica, ha aggiunto che "sia parte di una strategia generale. Si tratta infatti di un settore che ha implicazioni molto importanti a lungo termine e per questo finanziarlo significa fare un investimento a lungo termine". In gioco non ci sono soltanto future terapie, ma i tanti sviluppi legati al dialogo delle neuroscienze con altre tecnologie, come l'intelligenza artificiale. L'Ebri, ha detto ancora Cattaneo, "è stato fondato da Rita Levi Montalcini perché la ricerca sul cervello avesse un futuro ed è quello che vogliamo ancora".

Fra i settori in cui è attiva la ricerca dell'Ebri, la malattia di Alzheimer è fra i principali: "c'è una grande necessità di nuovi approcci terapeutici e stiamo sviluppando una nuova terapia genica che colpisca la neurodegenerazione dei neuroni", ha detto Cattaneo. E' allo studio anche una variante del fattore di crescita delle cellule nervose, ossia l'Ngf scoperto da Rita Levi Montalcini, in particolare per alcune malattie oculari. I disturbi spettro autistico, l'epilessia e lo studio dei meccanismi fisiologici della memoria sono fra gli altri campi di indagine dell'Ebri.

"Studiamo le tracce della memoria nel cervello, gli engrammi, nelle patologie e in condizioni normali: è una base importante per sviluppare nuovi approcci terapeutici", ha aggiunto, così come per studiare "nuovi sistemi di intelligenza artificiale ispirati al funzionamento del cervello".

Ad addestrare gli algoritmi sono le grandi quantità di dati sul cervello che arrivano da tante discipline, come genomica, proteomica, clinica, diagnosi e neuroimmagini. "Dalla ricerca di base - ha concluso - potranno venire le terapie del futuro".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza