Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Parte della storia umana è scritta nel Dna dei pidocchi

Parte della storia umana è scritta nel Dna dei pidocchi

Sono evoluti con noi nel corso di migliaia di anni

16 novembre 2023, 12:37

Leonardo De Cosmo

ANSACheck

La storia umana è scritta nel Dna dei pidocchi. Fonte: narong sutinkham - iStock - RIPRODUZIONE RISERVATA

La storia umana è scritta nel Dna dei pidocchi.  Fonte: narong sutinkham - iStock - RIPRODUZIONE RISERVATA
La storia umana è scritta nel Dna dei pidocchi. Fonte: narong sutinkham - iStock - RIPRODUZIONE RISERVATA

Parte della storia umana, come l’ancora dibattuta diffusione dei primi uomini nel continente americano, è scritta nel Dna dei nostri ‘fedelissimi’ compagni con cui conviviamo da migliaia di anni: i pidocchi. A suggerirlo è lo studio coordinato da Marina Ascunce, dell’Università della Florida e pubblicato sulla rivista Plos One, che ha analizzato 274 variazioni genetiche osservate in pidocchi provenienti da 25 siti differenti.

Seppur fastidiosi, i pidocchi possono essere considerati tra i più fedeli compagni dell’uomo: parassiti privi di ali che da millenni si nutrono del nostro sangue e che per sopravvivere si sono co-evoluti con noi, seguendoci anche durante le migrazioni.

Mettendo a confronto il genoma dei pidocchi provenienti da 25 luoghi, i ricercatori hanno riscontrato una serie di differenze: 274 variazioni genetiche da cui si possono ricostruire alcuni momenti della storia umana. Alcune di queste variazioni hanno permesso ad esempio di avere una conferma delle due differenti ondate di migrazione umana verso l’America, la prima avvenuta oltre 10mila anni fa dall’Asia attraverso lo stretto di Bering, la seconda con la colonizzazione europea dopo il ‘500.

Le analisi hanno permesso infatti di distinguere due popolazioni di pidocchi:una distribuita in tutto il mondo e un’altra prevalente in Europa e in America. Esiste poi una tipologia di pidocchi che è una sorta di mix tra le due e si trova solo in America, una mescolanza che sarebbe dovuta all’incontro tra quelli portati dai primi umani in America con la successiva ondata di europei. Analizzando i marcatori genetici, aggiungono i ricercatori, si potrà in futuro ricostruire più in dettagli queste dinamiche e capire meglio alcuni degli aspetti ancora poco chiari del primo arrivo dell’uomo in America di cui esistono ancora incertezze soprattutto riguardo ai tempi di arrivo nelle regioni meridionali. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza