Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

I gatti domestici una minaccia per molte specie a rischio di estinzione

I gatti domestici una minaccia per molte specie a rischio di estinzione

Ne cacciano oltre 2.000

18 dicembre 2023, 09:32

Benedetta Bianco

ANSACheck

I gatti domestici sono in grado di catturare e mangiare più di 2.000 specie diverse (fonte: pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA

I gatti domestici sono in grado di catturare e mangiare più di 2.000 specie diverse (fonte: pixabay) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
I gatti domestici sono in grado di catturare e mangiare più di 2.000 specie diverse (fonte: pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA

I gatti domestici, che abbiano o meno una casa, possono essere un flagello per molti animali a rischio di estinzione: se sono liberi di girovagare, sono in grado di catturare e mangiare più di 2.000 specie diverse, di cui circa 350 minacciate. Lo ha stabilito uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications e guidato dall’Università americana di Auburn: la scoperta migliora la comprensione dell’impatto che i gatti hanno sugli ecosistemi e potrebbe anche contribuire allo sviluppo di nuove soluzioni che permettano di gestire o limitare il problema.

Fin dalla loro domesticazione avvenuta oltre 9.000 anni fa, i gatti domestici si sono diffusi in tutto il mondo e si trovano ora in tutti i continenti, eccetto l’Antartide. Sono noti per essere predatori generalisti con notevoli impatti ecologici, ma la reale estensione e varietà della loro dieta non era mai stata quantificata su scala globale. Si sono dunque cimentati nell’impresa i ricercatori guidati da Christopher Lepczyk, che hanno compilato un database di dati sulle specie consumate da questi felini, dotati di un padrone o no.

I risultati mostrano che sono esattamente 2.083 le specie vittime dei gatti domestici, di cui 981 uccelli, 463 rettili, 431 mammiferi, 119 insetti e 57 anfibi, nonché 33 specie appartenenti ad altri gruppi animali. Almeno 347 di queste vedono in qualche modo minacciata la loro conservazione, a livello più o meno grave, e alcune sono ritenute addirittura estine in natura: ne sono un esempio il quoll occidentale, noto anche come gatto marsupiale di Geoffroy, originario dell’Australia, la tartaruga marina verde, la cosiddetta berta di Newell, un uccello marino, e lo scricciolo di Stephens Island, un piccolo passeriforme praticamente estinto.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza