Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il male detto. Ovvero dare forma a ciò che sfugge

Il male detto. Ovvero dare forma a ciò che sfugge

La missione impossibile del raccontare il dolore

16 ottobre 2023, 08:57

Redazione ANSA

ANSACheck

Il male detto. Ovvero dare forma a ciò che sfugge (fonte: Codice Edizioni) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il male detto. Ovvero dare forma a ciò che sfugge (fonte: Codice Edizioni) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Il male detto. Ovvero dare forma a ciò che sfugge (fonte: Codice Edizioni) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Esistono cose che si possono misurare in modo oggettivo e altro no, il dolore fa parte di questa seconda categoria. O forse no? Un concetto brillantemente sintetizzato nel gioco di parole che dà il titolo a ‘Il Male detto. Che cosa chiamiamo dolore’ (Codice Edizioni, 176 pagine, 15,00 euro) scritto dalla giornalista scientifica Roberta Fulci, una delle voci di Radio3 Scienza.

Quando parliamo di dolore, ad esempio descrivere un dolore fisico a un’altra persona che non lo ha mai provato, si sbatte quasi sempre in impossibilità comunicativa: raccontare il dolore, e spesso anche solo ricordarlo in modo vivido, è un’impresa quasi impossibile. Nel suo viaggio nel ‘male’ Roberta Fulci parte da quello che per molti non rappresenta altro che un piacere, un semplice sorso di acqua frizzante: “Quella sensazione sulla lingua e sul palato, che quando l’acqua è come piace a me, frizzantissima, è un po’ come ficcarsi in bocca un puntaspilli, be’, non ho dubbi: è un dolore. Bello, ma un dolore”.

Come si spiega il dolore fisico a chi non l’ha mai provato? Si può misurare il dolore? In passato era vissuto diversamente? La nostra idea di dolore cambia con l’esperienza, l’ambiente e la cultura? Ma soprattutto, che cosa chiamiamo dolore? Sono alcune delle tantissime domande a cui l’autrice cerca di dare risposte chiamando in causa decine di storie di ricerca, esperimenti folli come quello di Justin Schmidt che ha voluto sperimentare sulla propria pelle centinaia di punture di insetto per classificarne il dolore, aneddoti e il contributo di tanti ricercatori come Telmo Pievani e Giorgio Vallortigara. Una scrittura brillante e ironica che se non arriva a dare una risposta definitiva a molte delle domande sul ‘senso’ del dolore portano il lettore a guardare con occhi nuovi una delle sensazioni più enigmatiche che caratterizza la nostra esistenza.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza