Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Una rete neurale si evolve come il cervello umano

Una rete neurale si evolve come il cervello umano

Si riorganizza sulla base delle limitazioni esterne

22 novembre 2023, 10:38

Redazione ANSA

ANSACheck

Realizzata una rete neurale che si modifica in modo simile a quanto da il cervello Umano (fonte: Pixexid) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Realizzata una rete neurale che si modifica in modo simile a quanto da il cervello Umano (fonte: Pixexid) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Realizzata una rete neurale che si modifica in modo simile a quanto da il cervello Umano (fonte: Pixexid) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Messo a punto un sistema di intelligenza artificiale che si evolve, si riorganizza e sviluppa nuove capacita' per superare le limitazioni imposte dall'esterno, in modo analogo a come ha fatto il cervello umano nel corso dell'evoluzione. Descritto sulla rivista Nature Machine Intelligence, il nuovo sistema è stato ideato dal gruppo di ricerca coordinato da Jascha Achterberg e Danyal Akarca, dell'Universita' britannica di Cambridge. Potrà essere una fonte di ispirazione per futuri sistemi di IA e nello stesso tempo potà aiutare a capire meglio come funziona il cervello umano.

Obiettivo principale dei sistemi di Intelligenza Artificiale e'  replicare almeno alcune caratteristiche dell'intelligenza umana, ma le differenze tra mondo digitale e naturale sono molte e una di queste e' la capacita' di modificarsi nel tempo. I cervelli biologici, infatti, non solo sono in grado di risolvere problemi complessi, ma lo fanno usando pochissima energia. Questo è possibile anche perche' sono in grado di riorganizzare le connessioni tra i neuroni.

Per cercare di capire in che modo questo avvenga, i ricercatori hanno sviluppato una rete neurale capace di trasformarsi autonomamente a seconda delle funzioni richieste, riducendo al massimo il consumi di energia. E' un esperimento in controtendenza, considerando che di solito  le reti neurali artificiali godono normalmente di grandi quantita' di energia a disposizione.

Si è osservato così che le nuove reti neurali si evolvono in modo inatteso quando devono risolvere problemi difficili, come trovare la strada piu' rapida per uscire da un labirinto, riducendo allo stesso tempo il consumo di energia. I nodi della rete, come fossero neuroni, tendono a riorganizzare le connessioni e imparano a gestire un maggior numero di operazioni rispetto a quanto fanno normalmente.

Il risultato potra' migliorare la progettazione di nuovi sistemi di intelligenza artificiale e, sottolineano i ricercatori, apre anche molti interessanti spunti per la comprensione del nostro cervello, a partire dal perche' sia strutturato nelle forme che vediamo.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza