Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dall’Italia i primi semi robotici, per tutelare l’ambiente VIDEO

Dall’Italia i primi semi robotici, per tutelare l’ambiente VIDEO

Realizzati all’Iit, sono fluorescenti e dialogano con i droni

22 novembre 2023, 16:06

Redazione ANSA

ANSACheck

I robot semi fluorescenti (fonte: IIT) - RIPRODUZIONE RISERVATA

I robot semi fluorescenti (fonte: IIT) - RIPRODUZIONE RISERVATA
I robot semi fluorescenti (fonte: IIT) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono fluorescenti, stampati in 3D e aiuteranno a tutelare l’ambiente, i primi semi robotici costruiti in Italia per controllare la temperatura del suolo senza fili né circuiti elettronici. Sono stati progettati e realizzati all’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Genova dal gruppo di Barbara Mazzolai, alla quale si devono i primi robot-pianta. La ricerca, condotta in collaborazione con il Leibniz Institute for New Materials, è sostenuta da fondi dell'Unione Europea nell’ambito del progetto I-Seed, coordinato dall'Iit. Descritti sulla rivista Science Advances, i semi artificiali appartengono alla famiglia dei robot soffici, sono cioè realizzati con materiali non rigidi.

 

Semi naturali di Acer campestre (fonte: G.Berretta/IIT)

 

Si chiamano Acer i-Seed e e sono stampati in 3D in modo da imitare i semi naturali di una specie di acero originaria dell'Europa, l’Acer campestre, che quando sono maturi si staccano dalla pianta e vengono dispersi dal vento su grandi distanze. La loro particolare forma, imitata dai semi robotici, è tale che mentre cadono si muovono in modo simile a quanto fa una pala di elicottero: un movimento che si pensa abbia ispirato Leonardo Da Vinci nella progettazione della sua vite aerea. Grazie all’autorotazione, la velocità di discesa del seme si riduce, permettendogli rimanere in aria per più tempo e aumentando così le possibilità di dispersione con il vento. 

 Realizzati con un materiale biocompatibile e compostabile, i robot-semi possono essere seminati su aree molto vaste con l’aiuto dei droni. "Questo studio dimostra che imitare le strategie degli esseri viventi o le strutture biologiche e replicarle nelle tecnologie robotiche può essere un passaggio cruciale per ottenere innovazione a basso impatto ambientale, in termini di energia utilizzata e di inquinamento generato", commenta Barbara Mazzolai, che all’Iit è direttore associato per la Robotica e direttore del Laboratorio di Robotica Soft Bio-ispirata.




I semi sono fatti di acido polilattico e contengono particelle fluorescenti non tossiche, sensibili alla temperatura. Le variazioni della fluorescenza possono essere rilevate dai droni, in modo da permettere un controllo costante della temperatura al suolo.  “L’avere trasferito i sensori direttamente dentro il materiale ha permesso di eliminare fonti di energia o componenti elettroniche, rendendo il seme artificiale eco-friendly e robusto”, osserva Tobias Kraus, che guida lo sviluppo dei materiali sensorizzati presso il Leibniz-Institute for New Materials.

I ricercatori stanno ora lavorando alla possibilità di incorporare particelle fluorescenti sensibili ad altri parametri ambientali significativi, come l'umidità, il livello di CO2 o sostanze inquinanti.

Il prossimo passo saranno ulteriori test su campo, in collaborazione con aziende interessate a utilizzare i root seme in aree più vaste come i terreni agricoli, per un'analisi ambientale distribuita, simultanea, wireless ed ecosostenibile.

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza