Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La proteina che diffonde il cancro ai polmoni può essere fermata

La proteina che diffonde il cancro ai polmoni può essere fermata

Apre allo sviluppo di nuovi farmaci e a trattamenti personalizzati

02 dicembre 2023, 08:39

Benedetta Bianco

ANSACheck

La proteina che favorisce la crescita e la diffusione delle cellule tumorali nel cancro al polmone può essere fermata (fonte: freepik) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La proteina che favorisce la crescita e la diffusione delle cellule tumorali nel cancro al polmone può essere fermata (fonte: freepik) - RIPRODUZIONE RISERVATA
La proteina che favorisce la crescita e la diffusione delle cellule tumorali nel cancro al polmone può essere fermata (fonte: freepik) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La proteina che favorisce la crescita e la diffusione delle cellule tumorali nel cancro al polmone può essere fermata: uno studio dell’Università americana Tulane ha scoperto che un’altra proteina, già nota per le sue proprietà antitumorali, è in grado di bloccare la prima attraverso un percorso molecolare finora sconosciuto e che potrebbe essere determinante per arrestare il progredire del cancro ai polmoni, uno dei più comuni e la principale causa di decessi legati ai tumori. La ricerca, pubblicata sulla rivista dell’Accademia Nazionale delle Scienze americana, Pnas, potrebbe portare allo sviluppo di nuovi farmaci basati su questo meccanismo e a trattamenti sempre più personalizzati.

La proteina nota come c-Myc svolge un ruolo essenziale nella normale crescita cellulare. Tuttavia, quando si forma un tumore, c-Myc inizia a produrre degli errori che si accumulano, favorendo la diffusione del cancro. “Abbiamo scoperto che un’altra proteina, RBM10, può colpire direttamente c-Myc, riducendo i suoi effetti nocivi”, afferma Hua Lu, che ha coordinato lo studio. “Sappiamo molto sul cancro, ma le molecole coinvolte sono ancora una scatola nera. Pezzo dopo pezzo – aggiunge Lu – stiamo acquisendo una migliore comprensione”.

I ricercatori hanno anche scoperto un altro fattore fondamentale: spesso, nei tumori polmonari, è presente una forma alterata della proteina RBM10, che ha perso la capacità di sopprimere c-Myc e finisce così per promuovere la crescita tumorale invece di impedirla. “Speriamo di poter progettare una molecola che colpisca direttamente la forma alterata di RBM10”, dice Lu: “Se riuscissimo a convertirla nella sua forma normale, si spera che questa possa bloccare l’attività cancerogena di c-Myc”.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza