Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scoperti i neuroni anti-abbuffata, sono attivati dal gusto

Scoperti i neuroni anti-abbuffata, sono attivati dal gusto

Aprono la strada a nuove strategie contro l'obesità

26 novembre 2023, 09:59

Elisa Buson

ANSACheck

Scoperti nei topi i neuroni anti-abbuffata (fonte: British Pest Control Association, Flickr) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Scoperti nei topi i neuroni anti-abbuffata (fonte: British Pest Control Association, Flickr) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Scoperti nei topi i neuroni anti-abbuffata (fonte: British Pest Control Association, Flickr) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Individuati i neuroni anti-abbuffata: situati nel tronco encefalico, decidono la velocità con cui si mangia e il momento in cui fermarsi, in base ai segnali inviati da bocca e intestino. Si tratta dello stesso circuito nervoso su cui agiscono alcuni farmaci antidiabetici come la semaglutide, che vengono sempre più utilizzati per il dimagrimento. La scoperta, fatta nei topi, potrebbe aiutare a studiare i meccanismi che regolano l’appetito anche nell’uomo, portando a sviluppare nuove terapie contro l'obesità, come indicano i ricercatori dell'Università della California a San Francisco nel loro studio pubblicato sulla rivista Nature.

Il team, guidato dal fisiologo Zachary Knight, ha modificato geneticamente dei topi in modo che i neuroni, una volta attivati, emettessero un segnale fluorescente rilevabile da un sensore di luce impiantato nel cervello. Grazie a questa tecnica, hanno potuto osservare che immettendo il cibo direttamente nello stomaco si scatenavano dei segnali che dal tratto gastrointestinale arrivavano al cervello per attivare i neuroni Prlh e frenare l'appetito, come previsto da studi precedenti.

Quando invece è stato permesso ai topi di mangiare liberamente, i neuroni Prlh si sono attivati in base agli input provenienti dalla bocca, e in particolare alla percezione del gusto dolce, dimostrando che le papille gustative sono il primo baluardo contro le abbuffate. In pratica è un sistema di pesi e contrappesi, che da un lato riconosce il cibo buono e invita a consumarlo, e dall'altro impedisce di mangiarlo in eccesso: dall'equilibrio tra queste due spinte dipende la velocità con cui si mangia.

I ricercatori hanno anche individuato un'altra famiglia di neuroni, chiamati Gcg, che vengono attivati più lentamente da segnali provenienti dall’intestino e che decidono quando smettere di mangiare, frenando l'appetito su tempi più lunghi. I neuroni Gcg, una volta attivati, rilasciano l'ormone Glp-1, la cui azione è proprio quella mimata dai farmaci dimagranti come la semaglutide.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza