Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

All'asta una racchetta di Sinner per aiutare un bimbo malato

All'asta una racchetta di Sinner per aiutare un bimbo malato

Piacenza, il piccolo ha 5 anni e ha la rara sindrome Gillespie

PIACENZA, 29 novembre 2023, 11:07

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Una racchetta di Jannik Sinner, finalista delle Atp Finals e vincitore della Coppa Davis, sarà messa all'asta nei prossimi giorni e il ricavato andrà a un bimbo piacentino di cinque anni affetto da una rara sindrome.
    L'iniziativa di solidarietà, della quale ha dato notizia oggi il quotidiano Libertà di Piacenza, è stata ideata dalla parrocchia di Ghiffa, nel Verbanese, in cui risiede la famiglia paterna del piccolo, insieme all'associazione Kenzio Bellotti di Omegna, che già in passato aveva collaborato con Sinner, il quale si è detto felice di poter donare una propria racchetta per questo fine.
    Il piccolo, nato a Piacenza, è affetto da una rara malattia neurologica, la sindrome di Gillespie, di cui sono affette circa 30 persone in tutto il mondo. Ha bisogno di assistenza continuativa e terapie riabilitative e per questa ragione è stata anche avviata il mese scorso una raccolta fondi sul portale GoFundMe. Attualmente non esistono farmaci per curarlo ma una speranza, in teoria, ci sarebbe, perché, spiegano i genitori, "ci è stata rivelata recentemente la scoperta di una piccola molecola che potrebbe migliorare il funzionamento dell'ITPR1 e permettergli di fare cose che oggi per lui sono quasi impossibili. Ci siamo subito prestati alla ricerca e abbiamo donato, per cominciare, il nostro sangue oltre che promosso una raccolta fondi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza