Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Arriva il nuovo piano pandemico, "nessun allarme polmoniti"

Arriva il nuovo piano pandemico, "nessun allarme polmoniti"

In consegna 2,9 milioni di vaccini Novavax

29 novembre 2023, 11:47

di Antonino Michienzi

ANSACheck

Francesco Vaia - RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Vaia - RIPRODUZIONE RISERVATA
Francesco Vaia - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Italia sembra avere fatto tesoro di una delle lezioni della pandemia e nei prossimi giorni potrebbe essere infatti disponibile il piano pandemico per il prossimo triennio. Il precedente - quello per il triennio 2021-2023 - era stato approvato a gennaio 2021. "Il nuovo piano pandemico è alle battute finali. È quasi pronto per essere inviato al ministro e poi verrà inviato alla conferenza Stato-Regioni", ha detto il direttore generale della Prevenzione sanitaria del ministero della Salute, Francesco Vaia, intervenuto all'evento 'InnovaCtion. Ricerca, innovazione e cambiamento per la salute del futuro', durante il quale assicura che l'aumento dei casi di polmonite in Cina non rappresenta un motivo di preoccupazione e che il monitoraggio della situazione continua.

"In un mondo globalizzato in cui quello che succede dall'altra parte del mondo ci deve riguardare è giusto che vi poniamo attenzione. Ma l'Oms ha detto a tutti gli Stati membri che non c'è al momento nessun motivo per mettere in campo azioni di emergenza. Quindi, noi stiamo monitorando ma, allo stato, non è un fenomeno che ci preoccupa", spiega Vaia. Al momento l'andamento dei contagi da SarsCov2 in Italia resta sotto controllo: "Dobbiamo stare attenti, ma non ci dobbiamo preoccupare.

La scorsa settimana c'è stato un aumento del tasso di ospedalizzazione passato da 6,7% a 7,6% per il regime ordinario e dall'1,4% all'1,5% in terapia intensiva. Dati non allarmanti e in qualche modo attesi", precisa il direttore della prevenzione del ministero della Salute. Intanto, cresce la disponibilità di vaccini, anche se la campagna vaccinale non ha ancora lo sprint sperato, e nei prossimi giorni sono attesi 2,9 milioni di dosi del prodotto Novavax: "Il 30 novembre ci saranno consegnati 1,5 milioni di dosi e una seconda consegna, di 1,4 milioni di dosi, è prevista il 4 dicembre Oggi manderò una circolare alle Regioni per dire che c'è questa disponibilità", dice ancora Vaia. "Il vaccino Novavax è importante perché è un vaccino su base proteica e può essere un'ulteriore opportunità per il cittadino", ha aggiunto Vaia. Anche se "gli italiani, come i cittadini di tutto il mondo, dopo tre anni e mezzo di stress ora stanno probabilmente accusando un po' di stanchezza vaccinale". In Italia infine si conferma la co-circolazione di diversi ceppi virali ricombinanti di SarsCoV2 riconducibili a XBB, ed in particolare alla variante d'interesse EG.5, ribattezzata Eris, la cui prevalenza risulta in leggero aumento (prevalenza nazionale stimata al 52,1% contro il 51% della precedente indagine). EG.5, spiega l'Iss, "rappresenta circa la metà dei sequenziamenti disponibili su scala globale" e, precisa l'Istituto, "in relazione alle evidenze scientifiche ad oggi disponibili, non sono stati segnalati cambiamenti nella gravità della malattia ad essa associata".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza