Mazda CX-60: l'8 marzo arriverà la prima Phev di Hiroshima

Annunciato per marzo il debutto del modello ibrido alla spina

Redazione ANSA Roma

Prime immagini teaser in arrivo per la Mazda CX-60, il cui debutto ufficiale è stato annunciato l'8 marzo. Oltre all'immagine che riprende parte del frontale, la casa di Hiroshima ha divulgato anche alcune informazioni ufficiali sulla meccanica del nuovo Suv. Sarà il primo modello basato su un'architettura ibrida plug-in (PHEV,) composto da un motore a benzina a quattro cilindri da 2,5 litri con un motore elettrico per una potenza di sistema superiore ai 300 CV. Numeri che lo pongono come uno dei Suv plug-in hybrid più potenti della sua categoria. Non sono state rese note, invece, le specifiche sulle batterie, ma è lecito attendersi una soluzione in linea sia con la sostenibilità, sia con le quotidiane esigenze di percorrenza in elettrico. La stima è sui 60 km di marcia a zero emissioni.
    Dopo Mazda CX-60, la primo ibrida plug-in per l'Europa, arriverà la CX-80 (forse nel 2023), disponibile anche in configurazione 7 posti. Oltre ai motori plug-in hybrid saranno disponibili nuovi propulsori a sei cilindri, benzina e diesel, affiancati da un sistema mild-hybrid a 48 volt. In occasione del lancio, fissato per martedì 8 marzo, sapremo anche i tempi per l'arrivo nelle concessionarie di Mazda CX-60, verosimilmente atteso dopo l'estate. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie