Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Opel Astra 1.2 Turbo GS: piacere di guida e bassi consumi

Opel Astra 1.2 Turbo GS: piacere di guida e bassi consumi

Con 130 Cv e cambio automatico il Blitz brilla anche a benzina

ROMA, 01 novembre 2023, 11:08

Damiano Bolognini-Cobianchi

ANSACheck

Opel Astra 1.2 Turbo GS: piacere di guida e bassi consumi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Opel Astra 1.2 Turbo GS: piacere di guida e bassi consumi - RIPRODUZIONE RISERVATA
Opel Astra 1.2 Turbo GS: piacere di guida e bassi consumi - RIPRODUZIONE RISERVATA

 Design accattivante, divertimento tra le curve, brio a volontà con consumi da citycar, la Opel Astra GS 1.2 Turbo da 130 Cv con cambio automatico a 8 rapporti è una cinque porte di stile e sostanza che riconcilia con il piacere di guida.

 

 

 
    In vendita a 33.950 euro, con l'Ultimate Pack (3.900 euro), oltre alla soglia delle portiere con scritta specifica offre uno sfizioso equipaggiamento tecnologico che include il navigatore satellitare, il caricatore wireless per lo smartphone e l'head up display, per leggere sul parabrezza i dati principali di strumentazione e infotainment, senza distrarre lo sguardo dalla strada. Un pacchetto di accessori che rende ancor più godibile e fruibile la vettura del brand tedesco del gruppo Stellantis, come verificato in un test di una settimana in cui abbiamo percorso oltre 1.500 chilometri.
    Proprio in questa configurazione, l'ultima generazione della Astra è da consigliare a chi passa molte ore al volante, anche di sera. La dotazione, infatti, include i fari Pixel matrix Led, molto efficaci nell'illuminare a grande distanza. Il sistema di gestione automatica degli abbaglianti, poi, allevia lo stress della guida notturna, commutando da solo i proiettori in anabbaglianti, per evitare di accecare chi procede in senso di marcia contrario. Di giorno, invece, l'ampio tetto elettrico con tendina parasole è un piacere da scoprire. Non mancano parabrezza, volante e sedili anteriori riscaldati, per affrontare al calduccio anche i viaggi invernali.
    Nel colore oro della vettura del test effettuato da ANSA Motori, questa Astra si sa anche far notare. L'abitacolo, omologato per cinque persone, è accogliente per quattro adulti.
    Sfoggia una plancia con fascione nero lucido che fa una gran scena e che include uno schermo digitale come cruscotto e un display di tipo a sfioramento a centro vettura, con tanto di app dedicate, per navigazione e infotainment. Migliorabile per fruibilità ed efficacia di alcuni comandi, il sistema di bordo è compatibile con Android Auto e Apple Car Play e riesce, quindi, a mettere subito a proprio agio gli "smanettoni" da telefonino.
    Tra i nei avvertibili dal posto di comando da segnalare il fastidioso riflesso della plancia sul parabrezza. Da apprezzare, invece, per facilità e immediatezza di utilizzo la pulsantiera a pianoforte sistemata sotto il display centrale che permette di controllare rapidamente la climatizzazione.
    Lunga 4.374 mm, larga 2.062 (specchietti inclusi), questa compatta si parcheggia con facilità grazie allo sterzo leggero in manovra e a una batteria di telecamere a prova di "colpetto" sul paraurti. Positivo è anche il giudizio sul vano bagagli: i 598 decimetri cubi dichiarati sono tutti ben sfruttabili.
    Alla guida, il fastidioso frullio tipico dei propulsori a tre cilindri si avverte con distinzione solo a freddo: la voce del 1.199 cc risulta, infatti, ben filtrata a ogni andatura. Se si affonda sul gas, questo vispo "milledue" con 230 Nm di coppia massima sale con rapidità di giri e regala divertimento.
    Anche in modalità di guida normale (le altre sono Eco e Sport), l'auto è reattiva e gioiosa da guidare, particolarmente tra le curve, dove emerge un buon bilanciamento nella risposta di avantreno e retrotreno. Nei lunghi viaggi, poi, consuma poco e fa riscoprire il piacere di scendere da una Suv per salire su una cinque porte di impostazione tradizionale. In autostrada, ai 130 km/h, con il motore che in ottava marcia staziona sornione ai 2.200 giri, quest'Astra brucia infatti tanti chilometri con poco carburante, e l'atmosfera di bordo è ovattata. Leggere sul cruscotto (o sul parabrezza se si attiva l'head up display) una media autostradale di 18,1 km/l può far ricredere i "Suv addicted" sulla bontà delle proprie convinzioni. La riflessione, rischia di assumere i toni del conflitto interiore esistenziale, in chi è particolarmente sensibile alle spese legate al carburante e normalmente con la sua sport utility si sposta da una barriera di pedaggio all'altra a 110 km/h: con l'Astra a questa andatura si superano i 20,5 km/litro. E sulle extraurbane? A 90 km/h si sfiorano i 27 km/litro. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza