Volkswagen Taigo, la prova su strada del B-suv coupé

Parente di T-Roc e T-Cross, strizza l'occhio a clientela giovane

Giannantonio Pettinelli ROMA

Si chiama Taigo ed è il primo suv coupè nella storia della Volkswagen nel segmento B. Taigo è discendente dalle sorelle T-Roc e T-Cross ed è sviluppato sul pianale modulare trasversale MQB. Un suv coupè destinato ad una clientela giovane, dinamica, attenta al design e alla tecnologia.
    L'idea di Taigo nasce in Brasile - dove viene venduto, con caratteristiche leggermente diverse, con il nome di Nivus - ed è frutto di un processo di progettazione, sviluppo e industrializzazione totalmente delocalizzato rispetto alla Germania, la produzione per l'Europa infatti è concentrata a Pamplona in Spagna.
    Rispetto alla cugina sudamericana, la versione europea del suv coupè della Casa di Wolfsburg si caratterizza per una dotazione di serie davvero premium che su strada fa la differenza sia in termini di comfort che di sicurezza. Due gli allestimenti per il mercato italiano: Life e R-Line. Sul fronte dei motori, Volkswagen ha previsto per Taigo - sempre con trazione anteriore - propulsori turbo a benzina 1.0 a 3 cilindri o 1.5 a 4 cilindri ad alta efficienza che erogano potenze di 95, 110 e 150 CV. La velocità massima è pari rispettivamente a 183 km/h, 191 km/h e 212 km/h. In base alla motorizzazione il cambio può essere manuale a 5 o a 6 marce o automatico a doppia frizione DSG a 7 rapporti. Per quanto riguarda le dimensioni, Taigo ha una lunghezza di 4,266 mm e un'altezza di 1.518 mm mentre la larghezza e il passo sono rispettivamente 1.757 mm e 2.554 mm e sono praticamente uguali al T-Cross. Il volume del bagagliaio, nonostante la silhouette da coupé, è di ben 438 litri che possono arrivare a 1.222 abbattendo i sedili posteriori.

    Abbiamo fatto un test drive con la versione 1.0 TSI R-Line 110 CV con cambio automatico. Subito balza agli occhi la ricca dotazione di serie con i fari full led IQ. Light, strumentazione interamente digitale e sistemi infotainment di ultima generazione basati sul sistema MIB3, cerchi in lega da 17 pollici, sedili sportivi, interni ed esterni specifici per l'allestimento, tetto panoramico apribile elettricamente e sensori di parcheggio anteriori e posteriori Park Pilot. Sul mercato italiano Taigo dispone di serie di sistemi di assistenza alla guida all'avanguardia utilissimi nella guida quotidiana come l'IQ. DRIVE Travel Assist, in cui dispositivi quali, tra gli altri, il nuovo ACC predittivo (regolazione automatica della distanza in considerazione dei limiti di velocità e dei dati sul percorso del sistema di navigazione) e l'assistenza per il mantenimento della corsia Lane Assist si fondono in un nuovo sistema di assistenza, consentendo così la guida parzialmente automatizzata fino a una velocità massima di 210 km/h. Il nuovo volante multifunzione di serie è provvisto di superfici capacitive, che con il sistema IQ. DRIVE Travel Assist attivo hanno lo scopo di verificare che il guidatore abbia le mani sul volante, come prevede la normativa del livello 2 della guida automatizzata per l'UE.
    Taigo è dotata di serie di sistemi di assistenza quali il controllo perimetrale Front Assist comprensivo di funzione di frenata di emergenza City e Lane Assist. Pochi modelli di questa classe di veicoli vantano a bordo una gamma di sistemi di assistenza così innovativi, per un comfort ed una sicurezza superiori.
    Convincono anche gli interni, a cominciare dal Digital Cockpit e dall'infotainment Ready2Discover con schermo touch che integra la predisposizione per la navigazione acquistabile in un secondo momento tramite lo Shop online (Function on Demand), i servizi online We Connect e We Connect Plus e l'App-Connect wireless, che supporta la connettività ad Android Auto e a Apple CarPlay senza fili. La versione del Climatronic con superfici touch (disponibile a richiesta e presente sulla vettura in prova) si integra nel moderno look dei grandi display. L'unità di comando dispone di comandi touch e cursori sensibili al tocco ed è poi quella che viene offerta in forma simile anche sulle sorelle maggiori come Tiguan, Passat e Arteon.
    Durante il test drive abbiamo potuto apprezzare la buona insonorizzazione dell'abitacolo, che è molto accogliente anche sul sedile posteriore, e il comfort di marcia grazie all'ottima taratura delle sospensioni che riescono ad assorbire molto bene dossi e disconnessioni della strada. Anche la tenuta di strada è eccellente in tutte le condizioni di guida.
    I consumi durante la nostra prova si sono mantenuti sempre contenuti sia in città, in media 6 litri ogni 100km, sia sulle strade extraurbane, circa 18 km con un litro di benzina, sia in autostrada: viaggiando entro i limiti i consumi si sono attestati in 15,5 km.
    I prezzi partono dai 23.800 euro della 1.0 TSI Life e arrivano ai 30.350 della 1.5 TSI R-Line DSG. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie