Bosch rivoluziona infotainment auto con computer di dominio

Nuove funzioni da collaborazione con Qualcomm, Amazon e TomTom

Redazione ANSA ROMA

L'imminente debutto di nuove architetture elettroniche, in cui è il software, con il suo perfezionamento, a guidare l progettazione dell'hardware delle automobili, i grandi fornitori di componentistica si preparano a far compiere un salto generazionale anche ai sistemi di bordo, come quelli destinati all'infotainment.
Ne è un esempio l'inedito computer per servizi di bordo di Bosch destinato proprio ai veicoli definiti dal software.
L'unità è stata sviluppata in collaborazione con diverse altre società che operano nell'high tech - come Qualcomm Technologies, Amazon, TomTom e Blackberry - e mira a fornire nuove funzioni come quelle di comunicazione, i pagamenti dalla vettura, lo streaming video e gli assistenti vocali.
Tutto è gestito, nel sistema Bosch, da un nuovo computer di dominio progettato per eseguire queste funzioni e raggruppare ciò che oggi viene fatto da singole unità di controllo elettronico - anche 80 e perfino - spostando l'operatività verso computer più grandi e potenti progettati per supervisionare una moltitudine di operazioni all'interno di specifici domini.
Si prevede che questi nuovi controller di dominio potranno aprire la strada a funzionalità e capacità ampliate, compresa la guida autonoma. L'unità è flessibile, il che significa che i costruttori auto saranno in grado di aggiungere funzionalità sviluppate internamente a quelle già integrate, accelerando il 'time to market' per nuovi prodotti e riducendo i costi di sviluppo Poiché il nuovo sistema Bosch è scalabile, i costruttori che lo adotteranno saranno anche in grado di utilizzare lo stesso hardware su un'ampia varietà di linee di modelli che coprono vari punti di prezzo. Il computer utilizza un microprocessore Snapdragon di terza generazione fornito da Qualcomm Technologies e utilizza il sistema operativo QNX Neutrino Realtime.
Le opzioni includono l'assistente vocale virtuale tramite Amazon Alexa e Cerence; lo streaming video a bordo del veicolo tramite Access Twine4Car e la navigazione integrata e basata su cloud tramite TomTom. Inoltre il controller supporta la BlackBerry IVY Intelligent Vehicle Data Platform, sviluppata congiuntamente da BlackBerry e Amazon Web Services per consentire lo sviluppo di nuove applicazioni. Il oftware per il sistem è fornito invece da Rightware e Wipro "Con il nuovo computer di dominio, Bosch fornisce connettività e potenza di calcolo al moderno mondo della mobilità" ha commentato Stefan Buerkle, vicepresidente senior e capo delle soluzioni di informazioni connesse per Bosch in Nord America, in vista degli altri annunci che Bosch farà nei primi giorni del 2022, in occasione del Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas.
Questa nuova proposta di Bosch rientra nelle attività della nuova divisione Cross-Domain Computing Solutions (o XC in breve) che comprende circa 17.000 dipendenti in tutto il mondo e punta a conquistare una quota del mercato da 24 miliardi di dollari per i sistemi elettronici di bordo ad 'alta intensità' di software, settore che dovrebbe crescere del 15% annualmente fino al 2030.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie