Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Odissea di Bottega Veneta sfila a Milano

L'Odissea di Bottega Veneta sfila a Milano

Matthieu Blazy, 'questi sono abiti senza codici'

MILANO, 24 settembre 2023, 22:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Su una mappa disegnata sul pavimento di un ex capannone industriale della periferia milanese ha sfilato ieri sera l' Odissea immaginata da Matthieu Blazy come cornice della collezione per la prossima primavera estate di Bottega Veneta.
    "Odissea: un viaggio libero e pieno di speranza. Una connessione - spiega il direttore creativo della maison - con chi si era una volta, chi si vorrebbe essere e dove si vuole andare. L'odissea è sia esterna che interna, fisica e prodotto dell'immaginazione. È un viaggio di trasformazione e di evasione".
    Come i modelli attraversano il mondo, così la collezione viaggia in senso letterale e metaforico, all'insegna di una visione globale dell'artigianalità. Così giornali in pelle provenienti da tutto il mondo si trasformano in borse Foulard mentre scarpe e borse in fogliame tropicale, blu piscina, rafia e corda sono tutte realizzate in pelle. In passerella è protagonista il cambiarsi, con gli abiti delle stagioni precedenti che vengono portati in borse-cesto oversize in intrecciato e in ampi borsoni, i completi sartoriali che lasciano il posto a capi dal sapore quasi primordiale, abiti di cactus e conchiglie di Nautilus, fiori, fuochi d'artificio e formazioni rocciose.
    "C'è il bisogno di riconnettersi a un mondo primordiale - conclude Matthieu Blazy - fatto di animali, minerali e piante. È come raccogliere conchiglie: belle, significative o insignificanti. È legato alla bellezza delle piccole meraviglie e dei tesori naturali. È abbracciare qualcosa di spontaneo: questi sono abiti senza codici".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza