Scuola: Scalfarotto, "è il nemico acerrimo della mafia"

Il sottosegretario in istituto romano di Torbellamonaca

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 31 MAG - "La cultura e il sapere sono armi fondamentali per debellare l'azione malavitosa. L'intuizione di Antonino Caponnetto per cui "la scuola è il nemico acerrimo della mafia" è la chiave per comprendere come combattere le mafie ed è stata il filo conduttore di una giornata importante e profonda come quella di oggi a Tor Bella Monaca. In quel quartiere di Roma questa mattina ho consegnato gli attestati ai bambini delle elementari che hanno partecipato a "Un giorno da poliziotto e poliziotta", un ciclo di lezioni che hanno spiegato ai bambini quale sia il ruolo e la vita delle donne e degli uomini della forze dell'ordine. In un territorio complesso come quello, è fondamentale dimostrare alle nuove generazioni come il futuro possa esistere solo nel sentiero della legalità, dell'impegno, dell'onestà". Così il sottosegretario di Stato all'Interno Ivan Scalfarotto.
    "Occorre manifestare che lo Stato esiste. Che molto spesso quello che appare come un favore che ci viene concesso è invece un diritto che ci appartiene, e quel diritto viene esercitato grazie al rispetto della legge.
    La repressione è importante ma non basta. Serve la forza della legge, ma accanto a tutto ciò è necessario dare l'esempio e portare cultura e sapere ovunque. Solo aprendo la mente si potrà aprire il cuore, soprattutto quello delle nuove generazioni", conclude il sottosegretario. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA