Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

cogeneratori

cogeneratori

TRIESTE, 04 maggio 2023, 10:43

Redazione ANSA

ANSACheck
"I cogeneratori sono tra i principali strumenti per garantire la transizione ecologica e il loro uso favorisce la creazione di una nuova figura, il prosumer, colui che produce e consuma. E' una figura chiave per l'efficienza energetica, superiore a quella attuale". Ne è convinto Alessio Lilli, presidente della Siot e General manager del Gruppo Tal, intervenuto a un dibattito organizzato proprio dalla Tal.

La Tal sta realizzando otto di questi impianti, che producono energia, in quattro siti del Fvg: San Dorligo della Valle (Trieste), completato ma non ancora attivo, Reana del Rojale, Cavazzo carnico e Paluzza (tutti comuni della provincia di Udine).

Lilli ha annunciato un "road show in Carnia e in Friuli per spiegare cosa facciamo e perché è giusto farlo" installando cogeneratori. Il gas, ha spiegato Lilli, è una "fonte energetica fossile" ma ha un impatto decisamente minore rispetto al gasolio e al carbone. "Le valutazioni che abbiamo fatto prima di decidere, quasi tre anni fa, di seguire questa strada ci hanno dimostrato, non smentiti, che l'impatto di emissione Co2 dei cogeneratori sarà inferiore rispetto alla situazione attuale e inferiore rispetto alle prospettive", anche in considerazione del fatto che "nella attuale struttura produttiva è tornato massiccio l'utilizzo di carbone e olio combustibile perché di gas ce n'è poco". Inoltre, un generatore alimentato a gas, potrà andare a biometano, che è un prodotto di residui di lavorazioni, di sfalci, insomma di rifiuti", ha concluso Lilli.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza