Campania
  1. ANSA.it
  2. Campania
  3. Carlo Avvisati traduce in napoletano 'Remedia amoris' di Ovidio

Carlo Avvisati traduce in napoletano 'Remedia amoris' di Ovidio

"Mmericina sanammore", testo in latino a fronte del napoletano

(ANSA) - NAPOLI, 08 DIC - 'Nun appena Ammore ha liggiuto 'o titolo 'e stu libbro: "Cca s'appripara 'a guerra contr'a mme", ha ritto. "Neh, Cuccopi, sparagnate 'e trattà ra ommo 'e niente 'o poeto tuio… ': Carlo Avvisati, giornalista e scrittore, tra i massimi esperti di dialetto napoletano, torna in libreria con la trasposizione nella lingua che è stata di Eduardo, Viviani, Di Giacomo e Ferdinando Russo, di un classico della letteratura latina, Remedia Amoris di Ovido, reso in dialetto napoletano con il titolo di "Mmericina sanammore", appunto perché i remedia latini non erano altro che medicine, antidoti e contravveleni usati dai medici dell'epoca per curare ogni malattia.
    Pubblicato per i tipi di Artem, il libro, 144 pagine, che ha testo latino a fronte del napoletano e testo italiano alla fine, è un vero e proprio manuale 'di medicina amorosa', con regole e suggerimenti da metter in atto da chiunque abbia sofferto o soffra pene d'amore derivate dalla fine di una passione.
    'Mmericina' è arricchito ulteriormente dalle belle e dotte prefazioni di Titti Marrone, giornalista e scrittrice e Mario Lentano, docente di Lingua e Letteratura latina all'università di Siena. "Gioioso e colto capace di liberare ragione e fantasia - sottolinea Marrone - il libro è sintonizzato con la necessità di rivolgerci alla dimensione dei sentimenti, curando in tal modo le ferite di un presente senza pace che sembra suggerire solo diffidenze, odio, lacerazioni. Ma è anche un prontuario nel quale i malati d'amore troveranno consigli utili e dispensati in toni arguti e resi ancor più gioiosi dalla lingua napoletana".Come quando Ovidio, per reagire all'abbandono e dimenticare quell'amore che lo strugge, suggerisce al giovane di guardare ai difetti della donna (o dell'uomo) che l'ha lasciato: " 'E refiette stanno culo e ccammisa cu 'e qqualita. Guardanno 'e ccose da chistu lato cca, 'a figliola vertulusa avette 'e stesse furfeciate d''a vrenzola. Pe cchesta raggione e ppe cchello ca puo ffa', cagne 'e ccarte bone d''a guagliona cu chelli mmalamente… Si fosse chienulella chiammala chiattona; 'a puo cchiamma "faccia 'e cuorno", si nun e proprio zantraglia; si tene 'e riente fracete e ccacate, tu falla schiattà a ridere; si tene ' e zzizze comme 'e zzampogne … nn''a fa' purtà 'o reggipetto p'annasconnere 'o difetto" traduce Avvisati. "Se amare è una tecnica che può essere insegnata - suggerisce, dal canto suo Mario Lentano - allora lo stesso vale allorché si renda necessario smettere di farlo: e qui entrano in gioco i nostri Rimedi contro l'amore, l'operetta che appunto Carlo Avvisati ha mirabilmente voltato in napoletano, affrontando e superando con agilità il tour de force di rendere il nitido latino di Ovidio in una lingua che ha anch'essa alle sue spalle una lunghissima e nobile tradizione poetica e che qui viene manipolata con arte duttile da un traduttore capace di farne vibrare tutte le corde".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere


      Modifica consenso Cookie