/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lavoro: incontro a Potenza, "piccolo spiraglio" per Sit-Lgs

Lavoro: incontro a Potenza, "piccolo spiraglio" per Sit-Lgs

I sindacati, cassa integrazione per evitare licenziamenti

POTENZA, 21 marzo 2023, 16:41

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'avvio della procedura di cassa integrazione, su cui vi è "la disponibilità del committente Lgs", rappresenta un "piccolo spiraglio" nella vertenza della Sit-Lgs di Melfi (Potenza) - azienda che opera nell'indotto di Stellantis - per evitare il licenziamento di 35 lavoratori.
    E' il risultato dell'incontro fra le parti che si è svolto oggi, a Potenza. Fim, Uilm, Fismic e Uglm hanno chiesto all'azienda "di porre in essere ogni condizione utile affinché vi sia la possibilità di definire una rotazione all'interno dell'appalto". L'azienda si è detta "disponibile a verificare tale richiesta" e ha chiesto l'aggiornamento della riunione al prossimo 28 marzo. Sindacati e lavoratori hanno deciso di "mantenere lo stato di agitazione con un presidio permanente" fino al 28 marzo e hanno ribadito che "lavorando in modo serio il passaggio all'elettrico può e deve essere un'opportunità per tutti, perché il rilancio di Melfi non è uno slogan ma un lavoro quotidiano che, con senso di responsabilità, tutti devono perseguire".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza