Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Socio di Navalny, "Putin ride delle sanzioni di Londra"

Socio di Navalny, "Putin ride delle sanzioni di Londra"

"Colpite i suoi amici, sequestrate beni, alcuni non sanzionati"

22 febbraio 2024, 11:31

Redazione ANSA

ANSACheck

Socio di Navalny, "Putin ride delle sanzioni di Londra" - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Londra ha sanzionato sei persone, staff della colonia penale, che non avrebbero mai viaggiato nel Regno Unito e non hanno beni all'estero: ora ridono di queste sanzioni e anche Vladimir Putin. Noi abbiamo studiato la corruzione del regime di Putin. Navalny stesso ha indicato gli oligarchi amici di Putin che tengono la cassa, eppure ancora adesso non tutti loro sono sanzionati. Se volete onorare la memoria di Alexei, colpite gli amici di Putin, sequestrate i loro asset". Lo ha detto Leonid Volkov, capo dello staff della Fondazione Anticorruzione di Alexei Navalny, collegato con la Commissione Affari Esteri del Parlamento Europeo.

"Poi abbiamo prodotto una lista di 6mila persone, ora 7mila, che illustra i collaboratori del regime, e ancora non è successo nulla, nonostante la risoluzione del Parlamento Europeo, dobbiamo spingere di più", ha aggiunto. "Navalny per me era un amico stretto, sono senza parole, ho il cuore sanguinante", ha detto poi. "Non siamo ancora pronti a presentare una nuova strategia, per essere sicuri che le idee di Alexei prevalgano, in modo che la sua memoria sopravviva, ma per farlo dobbiamo prendere molte decisioni difficili. E ricordiamo che il suo corpo non è stato ancora consegnato alla famiglia, che deve combattere per una cosa tanto basilare".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

In collaborazione con

O utilizza

Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto.

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.