Molinari al The Open per svoltare, "cerco fiducia"

L'azzurro: "Nel 2018 trionfo super, ma ora non sono al top"

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 12 LUG - "Del trionfo al The Open, nel 2018, porto con me ricordi bellissimi. Fu un'apoteosi". Francesco Molinari, in un'intervista all'ANSA e a due giorni dal via della 150esima edizione del Major più antico del golf, in programma all'Old Course di St. Andrews, ripercorre la gioia vissuta quattro anni fa a Carnoustie, in Scozia. A secco di successi dal marzo 2019, il torinese cerca la svolta proprio nel torneo che lo ha reso grande. "Mi manca un po' di fiducia - spiega - e anche a livello tecnico non sono al top". Nella culla del golf, St. Andrews, Molinari ritrova anche il suo idolo: Woods. "Tiger è il golf. Nessuno lo può escludere dalla lista dei possibili vincitori, arriva però da un periodo complicato con un infortunio tremendo alla gamba". Poi sulla Superlega che sta dividendo il green. "Basta animosità, si parli solo di golf giocato. Mai c'erano state così tante tensioni prima". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA