Parlamento Ue boccia misure vino e frutta, 'insufficienti'

Voto rigetto deve essere confermato dalla plenaria del Parlamento Ue

Redazione ANSA

BRUXELLES - La commissione agricoltura del Parlamento europeo ha respinto, in quanto insufficienti, una parte delle misure straordinarie proposte dalla Commissione europea per i produttori di ortofrutticoli e vino, penalizzati dalla crisi del coronavirus. In un braccio di ferro che dura da settimane, gli eurodeputati chiedono di correggere alcune misure, ma la Commissione europea risponde di poter prendere in considerazione nuovi aiuti solo dopo l'approvazione dei primi. Il voto di rigetto deve essere confermato dalla plenaria del parlamento europeo.

La risoluzione che respinge l'atto delegato della Commissione europea è stata approvata con 36 voti a favore contro 11. Se la plenaria dovesse confermare il risultato, la Commissione europea dovrebbe presentare una nuova proposta tenendo conto delle indicazioni degli eurodeputati. Per diverse settimane gli eurodeputati hanno chiesto di aumentare i tassi di cofinanziamento e ampliare l'elenco delle misure e delle spese ammissibili nell'ambito dei programmi operativi ortofrutta e di dare la possibilità di trasferire i fondi non utilizzati, anche a causa dell'attuale crisi, dal 2020 al 2021. Per il settore del vino, i parlamentari vorrebbero introdurre più flessibilità su alcune norme, come quelle che regolano l'indicazione dell'anno in etichetta. La Commissione agricoltura ha invece votato per far approvare in via di urgenza un altro pacchetto di aiuti per gli stessi settori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie