Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A giugno lo Stato ha incassato 63,9 miliardi di tasse

A giugno lo Stato ha incassato 63,9 miliardi di tasse

Stima della Cgia, è il mese con il maggior numero di scadenze

VENEZIA, 01 luglio 2023, 10:09

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

A giugno il fisco ha cominciato seriamente a presentare il "conto" agli italiani: l'Ufficio studi della Cgia di Mestre (Venezia) ha stimato in 63,9 miliardi di euro l'ammontare complessivo delle tasse che, entro ieri, sono state versate nelle casse dello Stato.
    La Cgia precisa che giugno, assieme a novembre, è da sempre il mese dove si concentra il maggior numero di scadenze fiscali.
    Gli imprenditori, in particolar modo quelli di piccola dimensione, subiscono 80 scadenze tributarie e contributive ogni anno.
    Nello scorso mese l'impegno economico più gravoso ha riguardato il pagamento delle ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori, che ammontano a 13,9 miliardi. Per i contribuenti con scadenza mensile (imprese e autonomi), il versamento dell'Iva relativo a maggio ha toccato i 13 miliardi.
    Altrettanto oneroso il versamento del saldo 2022 e dell'acconto 2023 relativo all'Ires, pari a 12,7 miliardi. Il pagamento della prima rata dell'Imu-Tasi sulle seconde-terze case, sui capannoni, gli uffici e i negozi è costato 9,8 miliardi. Il saldo 2022 e l'acconto 2023 dell'Irap valgono 4,9 miliardi.
    L'Irpef in capo a tutti i lavoratori indipendenti e agli altri percettori di reddito è costata 3,7 miliardi, mentre la Tari ha fatto incassare 2,6 miliardi.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza