Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sindaca a giovani e artisti, "venite ad Assisi a gridare pace"

Sindaca a giovani e artisti, "venite ad Assisi a gridare pace"

Proietti invoca il cessate il fuoco e dice 'stop alla censura'

PERUGIA, 24 febbraio 2024, 14:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Stop alla guerra e alle censure verso chi parla di pace, a cominciare dai giovani che manifestano nelle piazze e da artisti come Ghali e Bansky, che attraverso le loro creatività diffondono sentimenti di speranza, e l'invito a scegliere Assisi per quanti intendono gridare e promuovere azioni di pace: è il senso del messaggio lanciato dalla sindaca di Assisi, Stefania Proietti, in un intervento pubblicato oggi dal quotidiano Avvenire. "Dopo il massacro perpetrato dai terroristi di Hamas lo scorso 7 ottobre ai danni di pacifiche famiglie israeliane - ha scritto il sindaco - da Assisi non abbiamo esitato a condannare quell'attacco disumano. Ma oggi, dopo cinque mesi di guerra, il massacro di decine di migliaia di innocenti esige parole inequivocabili su ciò che sta accadendo a Gaza". "All'odio cieco non si può rispondere con un odio altrettanto cieco.
    Questa carneficina deve finire"; "la scelta di campo è inequivocabile: accanto alle vittime! E dunque - aggiunge, fra l'altro - dalla parte degli israeliani massacrati nei kibbutz, dalla parte degli ostaggi strappati alle loro famiglie, dalla parte dei civili innocenti, un terzo dei quali bambini, uccisi dai bombardamenti a Gaza".
    Quindi l'appello a "gesti nuovi" e l'invito a giovani e artisti a scegliere Assisi come luogo ideale per costruire la pace. "Oltre alle parole - scrive - serve una serie dirompente di gesti nuovi. Abbiamo ascoltato giovani artisti che hanno parlato di genocidio e che per questo sono stati censurati, che hanno chiesto il cessate il fuoco e che per questo sono stati additati". "Mi rivolgo a loro - scrive ancora Proietti - e ai tanti altri artisti che stanno cercando di operare per la pace senza paura, da Bansky a Ghali: coraggiosi costruttori di pace, Assisi vi invita a dipingere la pace, a cantare la pace, a invocare la pace, a gridare la pace, a operare per la pace con la vostra creatività e la vostra arte! ".
    "Intendiamo invitare tutti gli artisti che - conclude - aderiranno a questo nostro appello a recarsi, poi, insieme a noi, a Betlemme in delegazione di pace che chiederà di parlare con autorità palestinesi e israeliane, a partire dai sindaci delle città".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza