Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sono nove i Comuni Ricicloni dell'Umbria

Sono nove i Comuni Ricicloni dell'Umbria

Legambiente: 'Preoccupa la qualità della raccolta dell'umido'

MAGIONE (PERUGIA), 16 febbraio 2024, 16:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Presentato al Teatro Mengoni di Magione il Rapporto Comuni Ricicloni 2023, che in Umbria sono nove (erano dieci nel 2022 e 17 nel 2019), uno in meno rispetto allo scorso anno - spiega Legambiente - per via del "sempre più preoccupante peggioramento nella qualità della raccolta dell'umido di diversi centri, e malgrado i criteri siano stati leggermente modificati e resi meno restrittivi".
    Dal dossier realizzato da Legambiente Umbria, su dati 2022 certificati dall'Arpa, emerge un'analisi dei numeri, quantitativa e qualitativa, relativa alla raccolta differenziata nella regione. Il Rapporto è strettamente connesso ai temi dell'economia del riciclo, pertanto è stato inserito all'interno dell'annuale EcoForum dell'economia circolare.
    L'associazione ambientalista ritiene che "il nuovo piano regionale di gestione integrata dei rifiuti umbro sia troppo sbilanciato sull'incenerimento e ancora una volta poco concentrato sulle possibili azioni concrete legate alla riduzione dei rifiuti, al riuso e al miglioramento della qualità delle raccolte finalizzate al riciclo. La tempistica di realizzazione dell'inceneritore è fissata al 2028, e rappresenta palesemente un'occasione persa per organizzare e rafforzare il percorso verso l'economia circolare regionale e accelerare la transizione ecologica dell'Umbria" Di seguito la classifica.
    Comuni sotto i 5.000 abitanti: Calvi 88,7%, Attigliano 79,3%, Ferentillo 76,1%, Montecastrilli 76%, Piegaro 72,2%, Valfabbrica 72,5%.
    Comuni tra 5.000 e 20.000 abitanti: Torgiano 76,1%, Castiglione del Lago 72,8%.
    Comuni sopra i 20.000 abitanti: Assisi 72,9%.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza