Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cai, inconciliabile motori sui sentieri e puntare sui cammini

Cai, inconciliabile motori sui sentieri e puntare sui cammini

Il presidente Angeli critica le posizioni della Regione

FOLIGNO (PERUGIA), 05 febbraio 2024, 12:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Secondo il presidente del Cai Umbria Gianluca Angeli "la Regione Umbria prima modifica la legge regionale e consente di fatto ai veicoli a motore di percorrere sentieri e strade di servizio montane, poi afferma ai massimi livelli la volontà di sviluppare e valorizzare tutta la rete dei cammini religiosi e dei sentieri naturalistici. Ci sembrano due iniziative del tutto inconciliabili, anzi la prima iniziativa è una vera e propria azione di demarketing della seconda". In una nota ricorda quindi che il Cai-Umbria e le 23 associazioni ambientalistiche e culturali, che hanno espresso la loro contrarietà all'emendamento che autorizza di fatto il libero transito ai veicoli a motore sui sentieri, "attendono ancora una risposta alle richieste avanzate ai massimi vertici regionali nell'incontro dell'11 gennaio scorso".
    "Il 3 febbraio scorso - afferma Angeli in una nota - abbiamo manifestato pubblicamente il nostro dissenso davanti alle sedi della Regione, con una iniziativa civile e pacifica. A questo proposito voglio comunque esprimere, interpretando il sentimento di tutti, il rammarico per alcune isolate intemperanze verbali, da cui ci dissociamo in maniera netta, rivolte alla consigliera regionale regionale autrice dell'iniziativa di legge. Il Cai-Umbria e le altre associazioni si sono sempre poste in maniera responsabile e costruttiva rispetto alla questione, pur esprimendo un netto no ai veicoli sui sentieri. A questo proposito voglio chiarire due questioni che qualcuno ha voluto diffondere in questi giorni: non abbiamo mai considerato 'delinquenti' i cacciatori, gli enduristi e chiunque altro sostenga posizioni contrarie alle nostre; come pure non abbiamo mai rifiutato, un confronto con questi soggetti, peraltro mai promosso da alcuno. E comunque riteniamo a questo proposito che un eventuale 'confronto' si sarebbe dovuto svolgere prima e non dopo l'approvazione dell'emendamento che ha modificato la legge. Rimaniamo in attesa".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza