Toscana

Irpet, in Toscana persi 26mila posti di lavoro in 11 mesi

Più colpiti giovani e donne. Segno più solo costruzioni

(ANSA) - FIRENZE, 30 DIC - Nei primi undici mesi del 2020 in Toscana sono andati persi 26mila posti di lavoro (-2,4%) rispetto allo stesso periodo del 2019. E' quanto afferma il nuovo barometro dell'Irpet, che registra la perdita di quasi 32mila contratti a termine e di 2.400 contratti di apprendistato. Segno positivo invece per i contratti a tempo indeterminato (+8mila), in virtù del blocco dei licenziamenti disposto dal governo.
    Le categorie più colpite dalla perdita del lavoro sono i giovani con meno di 35 anni, gli stranieri e le donne, più attivi nei settori interessati per primi dalle chiusure e in cui è più frequente l'utilizzo di contratti a termine. Le perdite maggiori si sono avute nel turismo (-15mila addetti, -11,9%), seguito da commercio (-3.700 addetti, -4,9%), e la manifattura del made in Italy (-4.500 addetti, -3,2%).
    "L'unico settore che ha un numero di dipendenti superiore ai livelli del 2019 - sostengono i ricercatori Irpet - è quello delle costruzioni, a seguito della ripartenza di attività quali i cantieri anti-dissesto idrogeologico o per l'edilizia residenziale pubblica, scolastica e penitenziaria". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie