Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Spot senza cintura sulla sicurezza stradale, è polemica

Spot senza cintura sulla sicurezza stradale, è polemica

Spinello, smartphone, velocità: il focus su questi comportamenti

ROMA, 21 febbraio 2024, 20:20

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' polemica sui nuovi spot del Mit per promuovere la sicurezza stradale. L'attenzione del social, ma anche di alcuni politici, è stata richiamata dal fatto che i giovani nelle autovetture che fanno incidenti in nessun caso indossano le cinture di sicurezza. Tutti e tre gli spot sono centrati sui comportamenti scorretti di una comitiva di ragazzi e ragazze che entrati in macchina in un caso fumano uno spinello, nel secondo caso si distraggono guardando un cellulare e nel terzo decidono di fare una corsa viaggiando ad alta velocità. Alla fine dello spot l'immagine si sdoppia: da una parte si vede il comportamento errato e l'incidente; dall'altra parte invece il diverso esito della serata se il guidatore rifiuta di fumare lo spinello, chiede di non essere disturbato o, come nel terzo caso, proprio non accende il motore e invita a prendersi una pizza. "Non fai la scelta giusta, fai l'unica possibile" dice alla fine un diverso testimonial. Ma in nessuna delle diverse situazioni i protagonisti dello spot indossano le cinture di sicurezza.
    Sul tema, che raccoglie molte critiche sui diversi canali social, si è acceso anche l'interesse della politica. E' intervenuto il capogruppo del Pd in commissione vigilanza Rai Stefano Graziano per chiedere al dipartimento per l'editoria di bloccare la nuova campagna sulla sicurezza stradale. Lo stesso fanno con una nota un gruppo di deputati del M5s che definiscono "comica finale" lo spot diffuso dal ministero di Salvini per dissuadere gli italiani dall'utilizzo del cellulare alla guida o dall'assunzione di droghe prima di mettersi al volante.
    "Guardando bene la pubblicità - affermano i deputati pentastellati - tutte le persone nell'auto sono senza cinture di sicurezza allacciate. Uno spasso: è la mesta conferma che Salvini e sicurezza stradale sono due rette parallele destinate a non incontrarsi mai".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza