Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Calciatore del Bari colpisce un raccattapalle poi si scusa

Calciatore del Bari colpisce un raccattapalle poi si scusa

Il gesto ieri nella gara contro il Sudtirol. Su Fb: 'Vergogna'

BARI, 25 febbraio 2024, 11:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nei minuti di recupero della gara di ieri a Bolzano tra il Sudtirol e il Bari, persa per 1-0 dai pugliesi, il difensore biancorosso Emmanuele Matino ha colpito al petto un raccatapalle che gli aveva appena restituito il pallone per una rimessa laterale, probabilmente accusandolo di aver perso tempo nel recuperare la palla. Le immagini dell'accaduto, riprese da Dazn, hanno fatto il giro del web causando molte reazioni di sdegno. Sulla pagina Facebook del calciatore alcuni hanno scritto "vergogna" e lo hanno invitato a "chiedere scusa" per il "pessimo esempio".
    Matino, all'indomani della gara, ha chiesto scusa con un post su Facebook: "Chiedo scusa al raccattapalle per il gesto ho fatto. Di certo non era mia intenzione usare 'violenza' (Piccola spinta) ma è stato solo dovuto alla fretta di recuperare la partita. Ma non è meno grave augurare morte solo perché sono napoletano".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza