Calcio

Europei: Fifpro 'non c'è neutralità, calcio agisca sui diritti'

"Stadio arcobaleno avrebbe aiutato chi fatica a fare coming out"

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - "Le organizzazioni devono decidere se vogliono condividere la responsabilità di una leadership basta sui valori. Non c'è neutralità quando azione e inazione hanno un impatto così profondo sull'umanità degli altri. Il nostro sport deve scegliere di agire sui diritti umani, l'uguaglianza e la dignità di ognuno, oltre le parole, a prescindere dalle conseguenze". È la presa di posizione di Fifpro, il sindacato mondiale dei calciatori, sul caso della decisione della Uefa di non fare illuminare lo stadio di Monaco, sede domani della sfida degli Europei Germania-Ungheria, con i colori dell'arcobaleno, in solidarietà con la comunità Lgbt ungherese.
    Il segretario generale di Fifpro, Jonas Baer-Hoffmann, in un messaggio su Twitter ha sottolineato che "la futura posizione dello sport nella società è inscindibile dal suo impegno onesto e sincero per far progredire e proteggere i diritti umani e i fondamentali valori di uguaglianza per tutti.
    Illuminare uno stadio - ha proseguito - non cambia le leggi, ma l'impatto di quel momento è inestimabile per quanto profondo possa sentirlo chi ha più bisogno di vederlo. Una persona che ha difficoltà a fare coming out, se cammina davanti a quello stadio vedendo quei colori che rappresentano speranza, umanità e accettazione, si sente incoraggiata e fiera di sé. Dobbiamo riconoscere quando potente un momento del genere può essere, particolarmente per quelli fra di noi che nel mondo non vedono un posto accogliente. Invece di incoraggiare questo momento, negare l'illuminazione ora è diventato un fattore scatenante ancora più grande per la politicizzazione e argomenti divisivi, l'esatto opposto di ciò che rappresenta l'arcobaleno". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie