Sport
  1. ANSA.it
  2. Sport
  3. Basket
  4. Premi: a Nicolò Melli il 'Primo Tricolore' di Reggio Emilia

Premi: a Nicolò Melli il 'Primo Tricolore' di Reggio Emilia

Il cestista dell'Olimpia Milano e della Nazionale: "Un onore"

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 06 DIC - Il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi ha consegnato stamattina una copia del Primo Tricolore a Nicolò Melli, cestista dell'Olimpia Milano e della Nazionale Italiana di basket. "Sono emozionato e onorato di ricevere questo premio - ha detto il capitano della squadra milanese - che testimonia una volta di più quanto sia forte il legame tra me e la città di Reggio Emilia. Non succede a tutti di ricevere questo riconoscimento".
    Melli, classe '91, è nato e cresciuto a Reggio Emilia sia umanamente sia sportivamente nella Pallacanestro Reggiana dove ha segnato i primi canestri. Per poi spiccare il volo in carriera fino ad arrivare in Nba, la massima lega americana di livello mondiale, vestendo le casacche dei New Orleans Pelicans e Dallas Mavericks. Prima di tornare a Milano, dove già era stato nel 2010, ha giocato anche a Treviso, Pesaro, Bamberg in Germania con cui è stato Mvp in Eurolega e Fenerbahce Istanbul in Turchia. È il primo giocatore italiano ad aver vinto il campionato in tre Paesi diversi. Infine, alle ultime Olimpiadi a Tokyo, Melli ha ricoperto i gradi di capitano con la Nazionale Azzurra della quale è da tempo un perno.
    "Nicolò è figlio di questa città - ha detto il sindaco Vecchi nella cerimonia che si è tenuta stamattina in Sala del Tricolore a Reggio Emilia - Ha mostrato non solo qualità agonistiche fuori dal comune, ma ha saputo mantenere un tratto umano che lo ha reso un punto di riferimento ed un esempio per tanti". Presenti anche Antonio Galli, presidente della Federazione Italiana Basket Emilia-Romagna ("Nicolò è un vanto per non solo per l'intera regione, ma per tutta Italia", ha detto) e Davide Giudici, presidente Fib provinciale Reggio Emilia ("Nik è un campione vero, fuori e dentro dal campo. Sin da piccolo ha avuto pressioni non indifferenti e infortuni fisici, ma li ha saputi superare con talento e forza interiore"). Assente coach Ettore Messina per un impegno dell'ultimo minuto. Melli poi è stato "intervistato" in videocollegamento dagli alunni della terza media dell'istituto comprensivo Leonardo da Vinci, la stessa scuola che ha frequentato da ragazzino. Infine, ha ricevuto poi il vessillo tricolore dalle mani del sindaco. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie