Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Esultanza immorale', e ora Riad indaga su Cristiano Ronaldo

'Esultanza immorale', e ora Riad indaga su Cristiano Ronaldo

Altro 'scandalo': federcalcio lo accusa per un gesto contro i tifosi

ROMA, 26 febbraio 2024, 17:38

Redazione ANSA

ANSACheck

Cristiano Ronaldo © ANSA/EPA

Cristiano Ronaldo © ANSA/EPA
Cristiano Ronaldo © ANSA/EPA

 Non c'è pace in Arabia Saudita per Cristiano Ronaldo. Cr7 finisce nuovamente al centro delle polemiche per il suo "comportamento immorale" nel paese: il portoghese stavolta è sotto indagine per un gestaccio nei confronti dei tifosi avversari durante la vittoria del suo Al Nassr contro l'Al Shabab. Ogni volta che toccava palla partivano cori a favore dell'arci-rivale Lionel Messi, così quando Ronaldo ha segnato si è prima portato le mani alle orecchie e poi ha platealmente indicato il proprio inguine, agitando la mano, in segno di provocazione.
    Il Comitato disciplinare della Federcalcio saudita ha immediatamente aperto un'inchiesta con l'acquisizione delle immagini, riportano i media locali con ampia eco in Portogallo, patria di Cr7. Nel paese saudita, dove vige una rigidissima osservanza delle prescrizioni musulmane, un gesto di questo tipo non è assolutamente permesso in pubblico. Inoltre, i sostenitori dell'Al Shabab si aspettano un intervento duro. La questione va oltre il "politically correct" saudita.

    Come se non bastasse l'ex pallone d'oro è anche recidivo. La scorsa settimana è spuntato un video che lo ritraeva mentre lasciava il campo al termine della partita persa con l'Al Hilal: si vede l'attaccante raccogliere una sciarpa della squadra avversaria, strofinarsela contro l'inguine e nuovamente buttarla a terra.
    Le intemperanze del campione europeo rischiano di divenire un problema non solo per lui ma per la stessa federazione saudita che lo ha indicato come testimonial in vista dei Mondiali di calcio. Un contratto da 1 miliardo di euro.

    A gennaio si sono sollevate polemiche per una questione familiare. Nel Paese è vietato convivere al di fuori del matrimonio ma il calciatore lusitano vive insieme alla compagna Giorgina con la quale non è sposato. La questione è stata sollevata ma il regno saudita ha concesso una deroga alla coppia: una sorta di legge "ad personam" che consente loro di convivere sotto lo stesso tetto. Sembra che nel caso del calciatore si sia chiuso un occhio. Il sospetto è che anche questa volta si possa fare la stessa cosa e chiudere la questione del gestaccio con una semplice multa.
    La stessa Giorgina ha destato ulteriore scandalo nel paese.
    La modella che sui social posta spesso selfie in costume da bagno o mini abiti, è accusata di essersi presentata in alcune occasioni pubbliche vestendo in modo inappropriato. Un mese fa sarebbe andata al ristorante indossando un vestito nero che metteva in mostra le gambe. La regola saudita prescrive alle donne di "vestirsi in modo modesto, coprendo sempre gambe e spalle" vietando di fatto vestitini e minigonne. Motivo per il quale è scoppiato l'ennesimo scandalo. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza