Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sofia Goggia sui social mostra la cicatrice e cita la compagna di squadra Elena Fanchini

Sofia Goggia sui social mostra la cicatrice e cita la compagna di squadra Elena Fanchini

La sciatrice promette: "Questo dolore non sarà invano"

23 febbraio 2024, 15:02

Redazione ANSA

ANSACheck

Sofia Goggia - RIPRODUZIONE RISERVATA

Sofia Goggia -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Sofia Goggia - RIPRODUZIONE RISERVATA

Sofia Goggia rompe il silenzio. Dopo essere stata dimessa il 9 febbraio dalla clinica La Madonnina di Milano, dove era stata operata per l'intervento di riduzione della frattura scomposta pluriframmentaria del pilone tibiale destro subita in allenamento a Ponte di legno, ha scritto un lungo messaggio sui suoi profili social, accompagnandolo con una foto in cui è ben visibile la cicatrice frutto dell’operazione chirurgica.

La campionessa cita la compagna di squadra, Elena Fanchini scomparsa poco più di un anno fa.

 

“Se questo è il piano che Dio ha riservato per me, altro non posso fare che spalancare le braccia, accoglierlo e accettarlo - scrive Goggia - Questa frase, che già utilizzai prima di Pechino, non è mia ma di Elena Fanchini: la pronunciò durante un’intervista con la sua autentica genuinità - che tanto mi manca!- quando venne a sapere della ricaduta del tumore. Mi sono ispirata a Lei, l’ho fatta mia. Mio papà – prosegue - mi ha scritto per messaggio che questo mio dolore non sarà invano ma, anche se poi il tempo mi dirà che lui aveva ragione, attualmente stento a crederci. Ciò che fa male, davvero male, è quella lacerazione che sento dentro al petto, strappo che solo io posso avvertire radicato nel mio profondo, figlio del fatto di essere per l’ennesima volta a tu per tu con me stessa in una situazione del genere nonostante gli sforzi, l’impegno e le scelte lavorative affinché la possibilità che questo tipo di avvenimenti potesse accadere, si riducesse drasticamente.

Infine l’atleta fa una promessa a suo padre: “Ti prometto che ce la metterò tutta per far sì che questo dolore terribile non sarà invano. Lo prometto a mio padre. E lo prometto a tutti voi”. 

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza