Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Chi sono gli Houthi dello Yemen

Chi sono gli Houthi dello Yemen

Sostenuti dall'Iran, controllano la capitale Sanaa e i ministeri

ROMA, 15 gennaio 2024, 16:52

Redazione ANSA

ANSACheck

Houthi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Houthi -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Houthi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli Houthi in Yemen, le cui postazioni sono state prese di mira da raid Usa e britannici, sono in Occidente definiti 'ribelli' perché sostenuti dall'Iran. Ma da dieci anni costituiscono la principale forza militare e istituzionale del martoriato Paese arabo. Dal 2014 controllano la capitale Sanaa con tutti i ministeri e la Banca centrale, oltre a vaste regioni del centro e del nord.

Nonostante l'Arabia Saudita abbia finora tenuto un atteggiamento cauto rispetto alla contrapposizione tra Usa e Houthi, questi ultimi sono da anni in lotta con le forze yemenite filo-saudite e quelle sostenute dagli Emirati Arabi Uniti che si spartiscono, con aspre rivalità, il centro-sud del Paese, incluso lo strategico porto di Aden. Le regioni orientali dello Yemen sono invece da decenni dominio del qaidismo locale, lo stesso nel quale si era formato Osama bin Laden.

Il governo filo-iraniano di Sanaa, guidato dal leader Abdel Malek Houthi, nel corso degli anni ha sviluppato un arsenale militare capace di colpire con missili balistici e droni di fabbricazione iraniana obiettivi distanti anche duemila chilometri, come nel caso degli attacchi avvenuti nel recente passato contro installazioni petrolifere saudite e degli Emirati. Il porto israeliano di Eilat dista circa 1.600 chilometri.

Dal 2015 l'Arabia Saudita aveva dato vita a una coalizione anti-Houthi a cui si erano uniti, tra gli altri, gli stessi Emirati Arabi Uniti. In 10 anni di guerra in Yemen sono morte più di 350mila persone secondo l'Onu. Nell'aprile 2022, le parti in conflitto avevano raggiunto un accordo per tregua. Un anno dopo, il disgelo politico e diplomatico tra Iran e Arabia Saudita, mediato dalla Cina, aveva accelerato il dialogo tra Houthi e Riad, prolungando il cessate il fuoco, di fatto ancora in vigore. Ma il 10 ottobre scorso il leader Houthi aveva annunciato l'entrata del suo governo nel conflitto contro Israele a fianco di Hamas e del cosiddetto 'asse della resistenza' guidato dall'Iran. Da allora, quasi ogni giorno, le forze yemenite hanno sparato contro numerose navi cargo e petroliere dirette verso Israele. Innescando a dicembre la decisione degli Stati Uniti di creare una coalizione marittima, Prosperity Guardian, per proteggere gli interessi di Israele e la libertà di navigazione in quel braccio di mare più in generale.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza