ANSAcom
ANSAcom

Tennis: Cirio, il ritorno è 10 volte l'investimento pubblico

Presidente del Piemonte sulla ricaduta delle Apt Finals

Torino ANSAcom
"E' fondamentale sostenere eventi come questi attraverso risorse pubbliche e vengono commensurati al ritorno economico. Uno studio della Camera di Commercio ha stabilito che il ritorno degli investimenti vale 10 volte di più dell'investimento iniziale pubblico". Ad affermarlo è stato il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, all'evento 'Il grande tennis a Torino', promosso da Intesa Sanpaolo e dal quotidiano 'Il Foglio', che si è tenuto questa mattina al Grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino, a proposito delle Nitto Atp Finals. Tre panel, moderati dal giornalista de 'Il Foglio' Umberto Zapelloni, che ha visto come protagonisti rappresentati delle istituzioni, degli sponsor e cronisti sportivi. Un convegno seguito in streaming da circa 11mila persone.
"Ci sono Regioni - ha aggiunto Cirio - che si pubblicizzano come prodotto. Noi invece utilizziamo gli eventi per farci conoscere. L'Atp entra in tutte le case di tutto il mondo e così facendo invita le persone a venire nel nostro Piemonte: è un veicolo che funziona e stiamo migliorando sempre di più". Ed è così che Torino è diventata per il secondo anno la casa del tennis, una manifestazione che ha reso la città friendly per lo sport, con spettatori arrivati da tutto il mondo per vedere giocare gli otto tennisti più famosi a livello internazionale, ma anche con qualche mira turistica capoluogo sabaudo. Oltre all'agonismo del torneo, di cui si parla quotidianamente in questa settimana, c'è da capire quali ricadute può avere una manifestazione internazionale di questa portata sulla città, sul territorio e sulla Regione. E' la domanda principale a cui ha voluto rispondere l'evento 'Il grande tennis a Torino'.
"Per Torino vale tantissimo ospitare questo evento - ha evidenziato Domenico Carretta, assessore allo Sport di Torino - e vogliamo massimizzare questa occasione, perché la città deve valorizzarsi attraverso le Atp". Alla domanda se è meglio ospitare le Olimpiadi o gli Atp, Carretta non ha dubbi: "Sono due sfide importanti, enormi, diverse. Con Atp c'è la possibilità di correggersi, perché durano diversi anni. Torino non è Londra, non è Parigi e non è Roma - conclude - ma abbiamo studiato, imparato e stiamo avendo ritorni importanti".

In collaborazione con:
Intesa Sanpaolo - Il Foglio

Archiviato in


Modifica consenso Cookie