Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: Mongolia Interna, centrale fotovoltaica da 2GW

Il lancio del nuovo progetto è avvenuto ieri

(XINHUA) - HOHHOT, 17 OTT - La regione autonoma della Mongolia Interna della Cina settentrionale ha avviato ieri un progetto di costruzione di una centrale fotovoltaica su larga scala nel deserto di Kubuqi, la cui capacità totale installata stimata è di circa 2GW.
    Situato nella città di Ordos, l'impianto dovrebbe occupare un'area di circa 6.700 ettari e raggiungere la sua piena capacità di generazione di energia 'grid connected' (connessa quindi alla rete elettrica nazionale) prima della fine del 2023.
    Grazie ai pannelli fotovoltaici, la nuova centrale integrerà settori come quello della piantagione e dell'allevamento con quello della generazione di energia verde, mirando a ripristinare l'ecosistema locale e promuovendo, nel contempo, la rivitalizzazione delle aree rurali.
    Per il progetto saranno stanziati quasi 12 miliardi di yuan (circa 1,86 miliardi di dollari), con l'intento di un miglior utilizzo e ripristino delle aree desertiche, di salvaguardare la sicurezza ecologica del bacino del fiume Giallo e aiutare il Paese a raggiungere il suo picco di emissioni di carbonio e la 'carbon neutrality' nei termini promessi.
    Il progetto registrerà una media annuale di oltre 4,1 miliardi di chilowattora (kWh) di elettricità 'on-grid', aiutando così a risparmiare oltre 1,25 milioni di tonnellate di carbone standard e tagliando 3,4 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica.
    Situata nel deserto del Kubuqi, il settimo più grande della Cina, la centrale è di grande importanza per lo sviluppo verde e sostenibile della regione in termini di ecosistema, economia e società, come afferma Zhang Bin, vice direttore dell'ufficio regionale per l'energia. (XINHUA)

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie