Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Belgrado inaugurata la mostra 'Nuove tendenze '60'

A Belgrado inaugurata la mostra 'Nuove tendenze '60'

Sulla scena artistica italiana degli Anni Sessanta

BELGRADO, 12 dicembre 2023, 20:24

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Ambasciatore d'Italia in Serbia, Luca Gori, è intervenuto oggi all'apertura della mostra "Nuove tendenze '60" organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura di Belgrado in collaborazione con la Fondazione Mira Brtka.
    L'esposizione, ospitata presso la Galleria del Centro culturale studentesco (SKC), celebra la scena artistica italiana degli anni sessanta esponendo le opere di Aldo Schmid, Bruno Conte, Paolo Patelli e Antonio Franchini, oltre che di alcuni artisti serbi dell'epoca come Milena Čubraković e Mira Brtka.
    All'inaugurazione dell'esposizione hanno partecipato anche il critico d'arte Sava Stepanov e l'architetto e Professore Franco Purini, che ha tenuto anche una lectio magistralis presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Belgrado.
    "La scena culturale italiana degli anni sessanta è stata un momento di vivacità artistica contraddistinto dalla diversità e dalla capacità degli artisti di utilizzare linguaggi espressivi originali, di affrancarsi dai canoni dell'arte classica affacciandosi verso i linguaggi dell'arte contemporanea. Un momento in cui i legami tra Italia e Serbia - grazie anche a personalità come Mira Brtka - si sono ulteriormente rafforzati", ha dichiarato nel suo intervento l'Ambasciatore Gori.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza