Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: nel 2021 più 29,8% profitti imprese statali

Dato riferito a imprese amministrate centralmente

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 19 GEN - Le imprese di proprietà dello Stato amministrate centralmente hanno registrato una solida crescita dei profitti netti nel 2021, nonostante gli impatti persistenti della pandemia del Covid-19. Questo è quanto emerso dai dati ufficiali di oggi.
    I profitti netti delle imprese centrali di proprietà dello Stato sono saliti del 29,8% rispetto a un anno fa, raggiungendo i 1.800 miliardi di yuan (circa 282,81 miliardi di dollari) l'anno scorso. Il tasso di crescita medio biennale è stato pari al 15,3%, come rilevato dalla State-owned Assets Supervision and Administration Commission (Sasac) del Consiglio di Stato.
    Le imprese in questione hanno ottenuto 36.300 miliardi di yuan in ricavi aggregati nel 2021, con un aumento del 19,5% anno su anno, come specificato dal portavoce della Sasac Peng Huagang in conferenza stampa.
    I dati di oggi mostrano inoltre che le imprese centrali di proprietà dello Stato hanno speso di più in ricerca e sviluppo (R&s) nel 2021 per promuovere lo sviluppo guidato dall'innovazione, secondo la Sasac; l'input in questo settore si è espanso del 16,1% rispetto all'anno precedente, raggiungendo i 904,59 miliardi di yuan.
    La solvibilità complessiva di tali imprese è rimasta stabile.
    Alla fine di dicembre, il rapporto medio tra debito e patrimonio delle aziende in questione è arrivato al 64,9%. (ANSA-XINHUA).
   

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie