Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Ue annuncia una multa record ad Apple per 1,8 miliardi

L'Ue annuncia una multa record ad Apple per 1,8 miliardi

Gruppo, 'la multa è senza prove, un vantaggio per Spotify'

BRUXELLES, 04 marzo 2024, 17:53

Redazione ANSA

ANSACheck
© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

© ANSA/EPA

L'Antitrust Ue ha deciso una multa record da 1,8 miliardi di euro ad Apple per violazioni alle regole sulla concorrenza con i servizi di streaming musicale. Lo riferisce l'esecutivo in una nota parlando di "condizioni commerciali sleali" praticate dal gruppo. Secondo quanto emerso nell'indagine, spiega, Apple blocca agli sviluppatori di app di streaming musicale di poter informare gli utenti con iPhone e iPad sui servizi di streaming musicale alternativi e più economici.

L'indagine è partita su reclamo di Spotify. L'importo è nettamente più alto delle indiscrezioni di stampa che parlavano di una multa di 500 milioni. 

 La decisione dell'Antitrust Ue di multare Apple per l'abuso di posizione dominante nello streaming musicale "è stata presa nonostante l'incapacità della Commissione di scoprire prove credibili di danni ai consumatori e ignora la realtà di un mercato fiorente, competitivo e in rapida crescita". Lo afferma Apple in una nota. "Il principale sostenitore di questa decisione, e il più grande beneficiario, è Spotify, una società con sede a Stoccolma, in Svezia. Spotify ha la più grande app di streaming musicale al mondo e ha incontrato la Commissione europea più di 65 volte durante questa indagine". 

 "La decisione di oggi segna un momento importante nella lotta per un'Internet più aperta per i consumatori". La Commissione europea ha chiarito che "il comportamento di Apple che limita le comunicazioni ai consumatori è illegale". Lo afferma Spotify commentando la sanzione ad Apple.

"Questa decisione invia un messaggio potente: nessuna azienda, nemmeno un monopolio come Apple, può esercitare il potere in modo abusivo per controllare il modo in cui altre aziende interagiscono con i propri clienti", segnala. Chiedendo ad Apple di porre fine alla sua condotta illegale "la Commissione mette i consumatori al primo posto". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza