Economia
  1. ANSA.it
  2. Economia
  3. Draghi: ''Avanti con le sanzioni per portare Mosca al negoziato'

Draghi: ''Avanti con le sanzioni per portare Mosca al negoziato'

Così il presidente del Consiglio in conferenza stampa a Elmau alla fine del G7

"Questo G7 è stato veramente un successo, i nostri Paesi hanno riaffermato piena e grande coesione, grande unità di vedute in particolare per quanto riguarda la guerra in Ucraina e le sue conseguenze". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa a Elmau alla fine del G7. "Abbiamo riaffermato il nostro impegno sul fronte delle sanzioni, che è essenziale per riportare la Russia al tavolo dei negoziati". "Il G7 è pronto a sostenere l'Ucraina per tutto il tempo necessario", ha detto ancora Draghi.

 

G7, Draghi: 'Le cose non sono andate come avrebbe voluto Putin'

"Il segretario generale" dell'Onu Guterres "a proposito del piano" per il grano "ha usato le parole "siamo oramai vicini al momento della verità" per capire se Ucraina e Russia vorranno sottoscrivere un accordo che permetterà al grano di uscire dai porti. La situazione va sbloccata in tempi rapidi per immagazzinare il nuovo raccolto". 

"Tutti i leader concordano sulla necessità di limitare i finanziamenti a Putin - ha detto il premier -, ma anche di rimuovere la cause dell'inflazione. Abbiamo dato mandato con urgenza ai ministri su come applicare un price cap sul gas e sul petrolio. L'Ue accelererà il suo lavoro sul tetto al prezzo del gas, una decisione che accogliamo con favore". 

"Quanto alla presenza del presidente Putin al G20, il presidente indonesiano lo esclude, è stato categorico, non verrà. Potrà succedere un intervento da remoto, vedremo...", ha spiegato Draghi.

Poi ancora: "Ci si augura" un risultato sul price cap al gas prima di ottobre. "È importante che la discussione sia solida - ha spiegato -, su base razionale e non solo psicologica. Questo non vuol dire che la psicologia non sia razionale...". "Per ora è difficile capire cosa farà la Russia col gas, andiamo avanti cercando di prepararci, aumentando gli stock e gli investimenti nelle rinnovabili e anche gli investimenti di lungo periodo nelle rinnovabili nei Paesi in via di sviluppo".  

"Dal vertice Nato ci aspettiamo la riaffermazione di questo senso di unità e fermezza del G7 e poi probabilmente un ampliamento della Nato alla Svezia e alla Finlandia - ha aggiunto Draghi -. Gli effetti di questa guerra sono imprevedibili, ci ritroviamo con una Ue più unita, una Nato più unita e probabilmente più grande": i Paesi "cercano protezione e riarmamento. Le cose non sono andate come avrebbe voluto Putin".  

"Complessivamente ci sono buone notizie" sull'export del grano dall'Ucraina, "molti di noi se non tutti pensavamo che occorresse sminare i porti, ora invece pare ci siano, anzi ci sono dei corridoi sicuri attraverso cui far passare le navi, questo significa guadagnare tempo".  

 C'è "preoccupazione" - ha detto ancora Draghi - per "il costante progresso" nelle ultime due settimane delle forze russe sul terreno in Ucraina. Ma ciò "non significa che non continuerà il nostro sostegno a Kiev".  

"Abbiamo raffermato il nostro impegno sul fronte delle sanzioni, che è essenziale per riportare la Russia al tavolo dei negoziati", ha aggiunto il premier. 

La Russia "metta fine senza condizioni al blocco dei porti ucraini sul Mar Nero" e smetta di "distruggere infrastrutture portuali di trasporto, terminali e silos per il grano" e di "appropriarsi in modo illegale di prodotti agricoli e attrezzature ucraine". E' quanto si legge nella dichiarazione finale del G7 sul tema della sicurezza alimentare globale. "Sosteniamo fortemente l'Ucraina nel riprendere le sue esportazioni agricole sui mercati mondiali - si legge - nonché gli sforzi delle Nazioni Unite per sbloccare un corridoio marittimo sicuro attraverso il Mar Nero". 

"Ci impegniamo per ulteriori 4,5 miliardi di dollari -  si legge nel comunicato sulla sicurezza alimentare del G7 - per proteggere i più vulnerabili dalla fame e la malnutrizione, per un totale di oltre 14 miliardi di dollari come nostra comune impegno per la sicurezza alimentare globale quest'anno".

Il G7 ha in programma una "conferenza internazionale per la ricostruzione" dell'Ucraina, si legge ancora nella bozza del comunicato finale del vertice al castello di Elmau.

"Il G7 è al fianco dell'Ucraina in modo incrollabile", ha detto il cancelliere Olaf Scholz. "Siamo uniti: Putin non deve vincere questa guerra". "Continueremo tenere alto il prezzo" per il regime di Putin di questa guerra. 

CINA
Il G7 invita la Cina a "fare pressione sulla Russia affinché cessi la sua aggressione militare e ritiri immediatamente e incondizionatamente le sue truppe" dall'Ucraina, si legge nella bozza del comunicato in cui si ribadisce la necessità di "cooperare" con Pechino "sulle sfide globali, come il clima, la biodiversità e altri importanti temi multilaterali".

PRICE CAP
"Adotteremo misure immediate per garantire l'approvvigionamento energetico e ridurre i prezzi e le impennate guidate da condizioni di mercato straordinarie, anche esplorando misure aggiuntive come il price cap". Lo si legge nella bozza del comunicato finale del G7. "Riaffermiamo il nostro impegno a eliminare gradualmente la nostra dipendenza dall'energia russa, senza compromettere i nostri obiettivi climatici e ambientali", aggiungono i leader. 

Un eventuale price cap sul gas da parte dei Paesi G7 dovrebbe essere "discusso" con la Gazprom, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. "Probabilmente cercheranno di modificare gli attuali contratti", ma ciò "dovrebbe essere discusso", ha aggiunto il portavoce, citato dalla Tass.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie