Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nuovo Elisir d'amore di Donizetti al Teatro Regio di Parma

Nuovo Elisir d'amore di Donizetti al Teatro Regio di Parma

Dal 15 marzo, regia Daniele Meneghini, direttore Sesto Quatrini

PARMA, 02 marzo 2024, 12:15

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una nuova produzione dell'Elisir d'amore, il melodramma giocoso di Gaetano Donizetti, debutta al Teatro Regio di Parma il 15 marzo alle 20 (repliche il 17, 22 e 24), nell'allestimento del regista Daniele Menghini, coprodotto con il Teatro Regio di Torino. Sul podio dell'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, Sesto Quatrini che dirige un cast con il soprano Nina Minasyan (Adina), Francesco Meli (Nemorino), Roberto de Candia (Dulcamara), Lodovico Filippo Ravizza (Belcore) e Yulia Tkachenko (Giannetta).
    Secondo la visione di Menghini, i personaggi dell'opera prendono vita come burattini plasmati dalle mani del protagonista: un "mondo di legno" creato dalla fantasia e dall'arte di Nemorino, l'ingenuo contadino innamorato della capricciosa Adina al punto da affidarsi al balsamico elisir venduto dal sedicente dottor Dulcamara. In scena per la prima volta in un'opera lirica, i Burattini di Daniela e Giordano Ferrari.
    "Perché in un'opera che vuole avere un carattere buffo, giocoso, troviamo un'aria come Una furtiva lagrima? Perché sprofondiamo in quell'abisso a pochi minuti dalla fine? E cosa scopriamo in quel baratro sull'animo del nostro protagonista? Queste domande - racconta il regista - mi hanno costretto ad aprire un dialogo profondo con la natura di un personaggio nuovo come Nemorino, uomo fragile che non ha ancora trovato il suo posto nel mondo. Uomo troppo sensibile che cerca un rifugio dal cinismo della realtà, un nascondiglio lontano dagli occhi disincantati dei suoi simili, lontano dai giudizi della gente.
    Tutti i personaggi sono intagliati dalla mano di Nemorino, plasmati dalla fantasia di un uomo che diventa demiurgo e autore della sua storia. Una sorta di Geppetto contemporaneo che si ritrova a fare i conti con le intemperanze delle sue creature proprio nel momento in cui, grazie alla magia della musica, esse prendono vita".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza