Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Barbie verso un futuro "fluido", una mostra per i 65 anni

Barbie verso un futuro "fluido", una mostra per i 65 anni

A Roma a cura di Giuseppe Cinelli, 2000 pezzi del collezionista

ROMA, 25 febbraio 2024, 14:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Mentre il mondo si prepara a festeggiare il 65 compleanno di Barbie, nata secondo le biografie il 9 marzo del 1959, giorno in cui la prima Barbie venne presentata alla fiera del giocattolo di New York, Giuseppe Cinelli, collaboratore storico di Giucas Casella e collezionista di Barbie, organizza una mostra a Roma, per festeggiare la mitica bambola. Ad accogliere il 10 marzo gli ospiti in viale Mazzini, dove la mostra rimarrà aperta per tutto il 2024, saranno gli stessi Giucas Casella e Giuseppe Cinelli. "Fashion doll revolution" espone la collezione di Barbie di Cinelli, con oltre 2000 pezzi raccolti in 25 anni. "Una mostra che attraversa il tempo - spiega il curatore - che racconta l'evoluzione, il costume, la società nelle diverse epoche e nelle sue sfaccettature. Un insieme dei pezzi più iconici che hanno rappresentato ogni era, il cambiamento, la moda". Ma la mostra è anche uno spunto per riflettere sulle distinzioni di genere dei giocattoli per bambine e bambini. "Il mio amore per Barbie - rivela Cinelli - esiste da sempre. Da quando ero bambino e sognavo di poterne avere una tutta mia, ma dovevo accontentarmi di quelle delle mie cugine, che me le prestavano per giocare con loro. Erano gli anni Settanta ed era impensabile in quegli anni coinvolgere un bambino in giochi di bambole. Lo facevo di nascosto quando potevo, a volte in solitudine".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza