Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Carolina Cavalli, dopo Amanda fa centro con Fremont agli Spirits

Carolina Cavalli, dopo Amanda fa centro con Fremont agli Spirits

La giovane regista in ascesa negli Usa vince per sceneggiatura

LOS ANGELES, 27 febbraio 2024, 19:02

di Lucia Magi

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

C'è Carolina Cavalli tra i premiati agli Spirits Awards, i riconoscimenti che Hollywood assegna alle migliori produzioni indipendenti. A Los Angeles, l'autrice italiana - che aveva colpito nel 2022 con il suo esordio alla regia Amanda, presentato a Venezia e pluripremiato - ha sollevato il trofeo per aver co-sceneggiato Fremont, il film in bianco e nero che conta nel cast anche Jeremy Allen White. Diretto da Babak Jalali, è la storia di una giovane donna afgana rifugiata nei pressi di San Francisco: sola e senza sostegno, lavora in una fabbrica di biscotti della fortuna. Quando muore l'incaricata di scrivere i messaggi da inserire nei dolcetti, prende il suo posto e manda per il mondo un biscotto con il proprio numero di telefono. La sua vita, ovvio, cambierà per sempre. "Nessuno di noi si aspettava questo premio, è stata una sorpresa per tutti", dice all'ANSA, riferendosi ai suoi compagni in questa impresa cinematografica premiata con il John Cassavetes award per il miglior film del 2023 prodotto con meno di 1 milione di dollari. "Quando cominci a lavorare a un progetto così piccolo, non ti aspetti un risultato così grande, non osi sperare che possa toccare tante persone", racconta Cavalli, il cui debutto con Amanda con Benedetta Porcaroli protagonista, oltre a Venezia e poi al Festival di Toronto, le è valso la candidatura a miglior regista emergente ai David di Donatello e recensioni entusiaste sul New York Times e sulla stampa americana del settore. Nata a Milano 30 anni fa, ha studiato filosofia a Parigi, ma poi ha cambiato strada: "Quello che mi dà più sollievo è scrivere e stare dentro un cinema. Ho cercato di unire le due cose e di trasformarle in un lavoro". L'amicizia e la collaborazione con Jalali, regista, sceneggiatore e produttore nato in Iran ma cresciuto a Londra, ha fatto il resto. "Abbiamo scritto Fremont diversi anni fa. Penso sia una delle prime sceneggiature che ho firmato. Babak ci ha messo la sua cultura, la sua esperienza; io amo le protagoniste femminili, le storie di solitudini interiori. Ognuno di noi ha portato un pezzo del suo mondo in un territorio che da soli non ci saremmo sentiti di esplorare". La produzione è partita nel 2021, quando Allen White, conosciuto allora per il suo ruolo nella serie Shameless (lo chef Carmy di The Bear sarebbe arrivato su Hulu l'estate dopo) ha letto la sceneggiatura ed è salito a bordo con entusiasmo: "È stato un regalo meraviglioso. Ha recitato a fianco di Anaita Wali Zada, che è afgana e ha una storia simile alla protagonista, ma è un'attrice esordiente. Abbiamo girato in meno di 20 giorni a Fremont, a sud di San Francisco. È la magia del cinema indipendente: nessuna costrizione, libertà massima, ma mezzi limitati. Risultato? Tanta adrenalina e voglia di portare a casa il film".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza