Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il caso Cortellesi approda sul NYT, 'ho toccato nervo scoperto'

Il caso Cortellesi approda sul NYT, 'ho toccato nervo scoperto'

Il quotidiano analizza il successo di C'è ancora domani

ROMA, 08 dicembre 2023, 17:45

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il caso Cortellesi approda sul New Tork Times. Dopo aver sfondato il tetto dei 27 milioni al botteghino, entrando nella top ten dei film italiani con maggiore incasso di sempre, e dopo aver acceso il dibattito sulla violenza domestica e sui diritti delle donne, C'è ancora domani, l'esordio alla regia dell'attrice, è al centro di un articolo in cui il quotidiano ne analizza il successo. "Certamente sono sorpresa", commenta Paola Cortellesi, pur aggiungendo: "È una buon film, e sono soddisfatta del mio lavoro", spiega l'attrice e regista, convinta che la popolarità del film sia legata all'"aver toccato un nervo scoperto del Paese". C'è ancora domani, che - scrive il NYT - riesce ad essere allo stesso tempo straziante ed edificante - è arrivato in un momento in cui la violenza domestica, il femminicidio e i diritti delle donne hanno dominato il dibattito pubblico nei giorni dell'omicidio di Giulia Cecchettin, anche se la vicenda è ambientata nel 1946, in una Roma ancora alle prese con la povertà e le conseguenze della seconda guerra mondiale. "Ho voluto realizzare un film contemporaneo ambientato nel passato, perché penso che purtroppo molte cose siano rimaste le stesse", spiega ancora Cortellesi. "Naturalmente ci sono stati dei progressi, sono cambiati i diritti, sono cambiate le leggi, ma non del tutto, non nella mentalità". Nell'articolo Chiara Tognolotti, docente di Storia del cinema italiano all'università di Pisa, osserva che Cortellesi si riallaccia alla tradizione del cinema italiano che ritrae "donne che cercano di cambiare la loro esistenza, di ribaltare la tipica sceneggiatura alla quale una donna dovrebbe attenersi".
    Il film esplora la tensione tra la "struttura patriarcale su cui si basa la società italiana" e il desiderio di riconoscere l'importanza del ruolo sociale delle donne, "che di fatto già esiste", ma non è sempre riconosciuta, spiega Tognolotti.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza