Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sputi a oncologo Ascierto, 'disprezzo per mia fede juventina'

Sputi a oncologo Ascierto, 'disprezzo per mia fede juventina'

La disavventura prima della partita al Maradona contro il Napoli

NAPOLI, 05 marzo 2024, 10:22

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

"Ero ai gates quando un tifoso, avrà avuto più o meno la mia età, mi ha sputato 'addosso'. Sì, ha sputato addosso alla mia fede juventina, dopo avermi ceduto il passo per farmi entrare, facendomi credere che voleva farmi una gentilezza, 'passate professore', mi ha detto. Io ho anche abbozzato un sorriso e sono passato, per poi accorgermi, però, che mi sputava vicino ai piedi in segno di disprezzo". Sulla sua pagina Fb il professor Paolo Ascierto, noto oncologo dell'Istituto per la cura dei Tumori 'Pascale' di Napoli, massimo esperto nella cura del melanoma, tra i protagonisti in prima linea nella battaglia contro il Covid, racconta la disavventura personale vissuta domenica sera prima della partita Napoli-Juventus. Da sempre non ha nascosto la sua fede bianconera pur amando profondamente la città. La sua vicenda è stata ripresa da organi di stampa.
    Ascierto racconta che domenica non sarebbe andato alla partita "se un mio amico non avesse insistito. Ero stanco e la partitissima Napoli-Juve avevo più voglia di vedermela sul divano di casa. L'amico ha insistito e così, al Maradona, ci ho portato anche il mio ragazzo (anche il figlio di Ascierto è juventino, ndr). e alla fine ci avevo pure provato gusto. Io amo il calcio e sono juventino da sempre e non vedo - aggiunge - perchè non dovrei esserlo. Così come, da napoletano adottato, mi dispiace quando il Napoli, lontano dalla Juve, perde".
    Dopo quanto accaduto si dice "molto turbato e forse, davvero, era meglio se la partitissima rimanevo a guardarla sul divano di casa". Di fronte allo sputo "non ho avuto nessuna reazione.
    Stavo con Luca, non mi andava di turbarlo, è juventino anche lui e non si è mai vergognato nè provato disagio ad esserlo. Non deve iniziare ora. Però, accidenti - conclude Ascierto - che rabbia".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza