Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Drone consegna droga e cellulari in carcere, sequestro a Salerno

Drone consegna droga e cellulari in carcere, sequestro a Salerno

Ricerche dopo il ritrovamento di sei telefoni in una cella

NAPOLI, 05 marzo 2024, 10:32

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha depositato oltre 800 grammi di hashish e ben sei cellulari il drone individuato e sequestrato dalla Polizia Penitenziaria nel carcere di Salerno. Le ricerche sono iniziate subito dopo il ritrovamento dei telefoni nella cella di una sezione detentiva. I controlli che ne sono scaturiti hanno poi consentito il sequestro sia della droga, sia del velivolo.
    "Auspichiamo che quando prima si proceda anche in Campania alla formazione di personale specializzato anti drone", sottolineano Giuseppe del Sorbo e Giuseppe Moretti, rispettivamente segretario nazionale e presidente dell'Uspp, che, si complimentano con i colleghi "per la brillante operazione".
    Di recente cinque agenti della Penitenziaria hanno conseguito l'abilitazione alla formazione dei colleghi per fronteggiare l'annoso problema dell'introduzione di droga e telefoni nelle carceri attraverso i droni.
    "L'abbiamo ribadito più volte - aggiungono Del Sorbo e Moretti - è necessario dotare la polizia penitenziaria di strumenti tecnologici adeguati come i jammer (gli inibitori di segnale telefonico) per sconfiggere l'introduzione dei telefoni nelle carceri". I due sindacalisti, infine, ricordano che a Salerno mancano ben 60 agenti e che "solo con enormi sacrifici si riesce a mantenere l'ordine e la sicurezza interna".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza