Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Omicidio nel Varesotto, indagato respinge le accuse: 'Non c'ero'

Omicidio nel Varesotto, indagato respinge le accuse: 'Non c'ero'

Domani gli interrogatori di garanzia di entrambi gli arrestati

CAIRATE, 01 marzo 2024, 18:51

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha incontrato oggi i suoi legali in carcere e davanti a loro ha respinto ogni addebito a suo carico Douglas Carolo, il ragazzo di 20 anni arrestato tre giorni fa insieme al coetaneo Michele Caglioni con l'accusa di aver assassinato con un fendente al collo Andrea Bossi nella sua casa di Cairate (Varese) nella notte tra il 26 e il 27 gennaio.
    "Il nostro assistito nega tutte le accuse", spiega l'avvocato Vincenzo Sparaco all'uscita dalla casa circondariale di Busto Arsizio con il collega Gianmatteo Rona. "Ha dichiarato di non aver ucciso nessuno, di non aver commesso alcun delitto e addirittura di non trovarsi nemmeno nell'abitazione della vittima quella sera, bensì a casa di altri amici, distante da dove il delitto si è consumato. Nelle prossime ore, in vista dell'interrogatorio davanti al Gip di domani, valuteremo eventuali discrepanze tra gli atti di indagine e le dichiarazioni del ragazzo".
    Domani sarà ascoltato anche Caglioni, difeso dall'avvocato Luigi Ferruccio Servi, che potrebbe non avvalersi della facoltà di non rispondere. A Caglioni è anche stato sequestrato un monopattino: il sospetto degli inquirenti è che sia il mezzo utilizzato dai due presunti assassini per raggiungere via Mascheroni.
    Secondo l'accusa, Carolo conosceva e frequentava Bossi e il movente più plausibile per gli inquirenti è quello economico.
    Dall'abitazione del 26enne sono spariti dei gioielli poi ritrovati in quattro Compro oro e nelle disponibilità degli arrestati sarebbero state trovate invece le ricevute. Inoltre alcune telecamere private collocano i due ragazzi nella zona del crimine, mentre la videocamera di un bancomat mostra chiaramente almeno uno dei due giovanissimi eseguire un prelievo al bancomat alle 4.31 del 27 gennaio utilizzando la carta di credito della vittima.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza