Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Strage di Erba, Olindo: 'Spero in un processo sereno a Brescia'

Strage di Erba, Olindo: 'Spero in un processo sereno a Brescia'

Lettera dal carcere a Telelombardia: 'Ringrazio Cuno Tarfusser'

MILANO, 29 febbraio 2024, 18:45

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Spera in un processo sereno e oggettivo a Brescia, ringrazia il sostituto pg di Milano Cuno Tarfusser e ribadisce l'innocenza propria e di sua moglie Rosa Bazzi. È questo, in sintesi, il contenuto della lettera scritta da Olindo Romano, condannato con la moglie all'ergastolo per la strage di Erba, al giornalista Marco Oliva. Le dichiarazioni integrali saranno in onda questa sera a partire dalle 20.30 su Telelombardia, ospite in studio il magistrato Tarfusser, che per primo aveva richiesto la revisione del processo.
    "Caro Marco, ho saputo della revisione telefonando a Rosa, lei era emozionatissima e anche io mi sono emozionato non vedevo l'ora di rifare il processo" ha scritto Olindo. "Noi - ha aggiunto - ci aspettiamo che finalmente possa esserci un processo vero che con oggettività valuti le prove. Penso proprio che saremo in aula il 1 marzo. Voglio ringraziare il Procuratore Generale di Milano Tarfusser che ci ha fatto riconquistare la fiducia nella giustizia. Speriamo che a Brescia ci siano magistrati che valuteranno con serenità tutte le anomalie di questa vicenda. A me e Rosa in questi anni è mancata la possibilità di stare insieme come facevamo prima, vogliamo solo quello".
    Olindo ha commentato anche le recenti dichiarazioni di Giuseppe Castagna, che nella strage di Erba ha perso madre, sorella e nipotino. "Penso che i fratelli Castagna - ha scritto Romano - dovrebbero essere interessati a capire come sono andati veramente i fatti e non capisco perché nascondano la testa sotto la sabbia pur di non confrontarsi con gli innumerevoli dubbi che continuano a emergere da questa vicenda. Non so chi sia il colpevole e non posso accusare nessuno senza prove, so io cosa vuol dire e non lo auguro a nessuno".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza