Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Piazza della Loggia,nuovo processo parte con rinvio al 18 giugno

Piazza della Loggia,nuovo processo parte con rinvio al 18 giugno

Presidente Corte: 'Aspetto nuovi giudici per il dibattimento'

BRESCIA, 29 febbraio 2024, 10:31

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

È iniziato davanti alla Corte d'assise di Brescia, presieduta da Roberto Spanó, il nuovo processo per la strage di Piazza della Loggia del 28 maggio 1974. L'imputato è Roberto Zorzi all'epoca ventunenne, accusato di essere, con l'allora minorenne Marco Toffaloni che sarà giudicato dal tribunale dei minori, uno degli esecutori materiali dello scoppio che provocò otto vittime e 102 feriti.
    L'imputato non è presente in aula ed è rappresentato dall'avvocato Stefano Casali. Cittadino americano è residente nello Stato di Washington dove gestisce un allevamento di dobermann chiamato "Il Littorio".
    In aula a rappresentare l'accusa ci sono il procuratore capo Francesco Prete e l'aggiunto Silvio Bonfigli. Il processo è iniziato con il giuramento dei giudici popolari che si sono insediati. "Non siamo in grado di formare un collegio dedicato per affrontare questo processo per congestionamento delle udienze. Non possiamo fare un calendario" ha detto il presidente della Corte Roberto Spanó che nelle scorse settimane ha chiesto al presidente del tribunale di Brescia Vittorio Masia di poter avere nuovi giudici per la prima sezione che presiede.
    Per questo ha rinviato l'udienza al 18 giugno "con l'impegno, se arriveranno le risorse, di svolgere tre udienze al mese e chiudere il dibattimento entro nove mesi" ha precisato Spanó.
    "La durata del processo dipenderà dalle risorse che ci verranno date. Attendiamo di capire cosa succede e vediamo. Le risorse dovranno essere effettive e non sulla carta. Ho avuto forti rassicurazioni dal presidente del tribunale".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza