Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Italia sotto la pioggia. Frane in Liguria, allerta in Veneto

L'Italia sotto la pioggia. Frane in Liguria, allerta in Veneto

Allerta valanghe sulle Alpi. Critica tutta la settimana

PIEVE LIGURE, 28 febbraio 2024, 09:30

Redazione ANSA

ANSACheck
Maltempo: domani scuole chiuse a Vicenza - RIPRODUZIONE RISERVATA

Rimane molto critica, anche stamani, la situazione a Vicenza, in assoluto una delle città più colpite dall'ondata di maltempo. Secondo quando spiegato dal sindaco Giacomo Possamai in un videomessaggio registrato alle 5 dopo una riunione del Coc "continua l'allarme: chiusa infatti la tangenziale per allagamenti così come pure numerose strade in città". "Chiediamo a tutti di limitare gli spostamenti - l'appello del primo cittadino - per consentire interventi di soccorso e protezione civile". Nella notte il Bacchiglione ha sfiorato i 5 metri e mezzo e questo ha convinto i tecnici ad aprire il bacino di laminazione di Caldogno, che è dunque entrato in funzione.

Diversi allagamenti vengono registrati in città, con numerosi quartieri paralizzati, in particolare la zona dello stadio della stazione ferroviaria e altri quartieri. A Vicenza presente già dalla notte l'assessore regionale alla protezione civile Gianpaolo Bottacin che ha partecipato alle riunioni del Coc e che con gli amministratori locali sta coordinando gli interventi.

Preoccupa il livello del fiume Retrone, tracimato in più punti. Al momento rimane chiuso il traffico ferroviario, nel tratto tra Vicenza e Padova, interrotto da ieri pomeriggio alle 16. 

Dopo un inverno dalle più che inusuali temperature primaverili, l'Italia torna a fare i conti con il maltempo. Numerose frane hanno colpito la Liguria, da ore ormai sotto l'acqua, mentre in Veneto cresce l'ansia per la notte, quando la situazione meteorologica è destinata a peggiorare.

La Protezione civile ha emesso l'allerta rossa, mentre il comune di Vicenza ha disposto per domani la chiusura di tutte le scuole. "Sono ore complesse", afferma il governatore Luca Zaia che segue l'evolversi della situazione.

La circolazione permane sospesa tra Vicenza e Padova per condizioni meteo critiche che stanno provocando il rischio di esondazione di alcuni fiumi. Prosegue l'intervento dei tecnici e della Protezione Civile per consentire la regolare ripresa della circolazione ferroviaria. I treni Alta Velocità ed Euronight possono subire cancellazioni ed essere instradati su percorsi alternativi con un maggior tempo di percorrenza fino a 150 minuti. I treni Regionali possono subire limitazioni di percorso e cancellazioni. Attivo il servizio sostitutivo con bus tra Vicenza e Padova e tra Vicenza e Grisignano, Cavazzale e San Pietro in Gù.

La prima regione ad aver accusato il colpo del ritorno invernale è la Liguria. Ieri sera una frana ha letteralmente tagliato in due Pieve Ligure: mille abitanti isolati, scuole chiuse, alcuni sfollati e la speranza che la strada, almeno a senso unico, possa venir riaperta.

Dopo la frana di ieri che ha distrutto la scalinata della scuola D'Albertis a san Fruttuoso di Genova, schivata per un pelo da un minibus e da un'auto e quella che ha invaso la A10 tra Celle e Varazze in direzione Genova (tratto ormai riaperto), un altro smottamento lungo la strada provinciale a Davagna (Genova) ha causato la rottura di una tubazione del gas imponendo alla Città metropolitana di chiudere temporaneamente al traffico. Sono in corso i lavori di messa in sicurezza. Ma sono tanti i cedimenti del terreno causati dalla pioggia: soprattutto nei comuni della Spezia (località Campiglia), Carasco (S. Pietro di Sturla), Genova Mele e Santo Stefano di Magra (via Cisa Nord). Ancora chiusa la statale del Turchino nei pressi di Gnocchetto invasa dai massi. D'altra parte i numeri delle cumulate parlano chiaro: nelle ultime 24 ore sono caduti 118.4 mm a Carpe - Case Garone (Comune di Toirano); 112 mm a Mele; 81 mm a Borzone (Comune di Borzonasca). Al momento le precipitazioni stanno interessando tutta la regione, con piogge diffuse e persistenti.

Il maltempo non ha risparmiato oggi neanche la Toscana, in allerta arancione fino alla mezzanotte: le cumulate hanno superato i 130 millimetri a Fabbriche di Vergemoli e 121 ad Equi Terme. Allagamenti a Livorno. Alti i livelli in tutti i bacini delle zone oggetto di allerta, in particolare su quelli centro-settentrionali e costieri. La pioggia ha provocato più frane in provincia di Lucca. In Versilia, nel comune di Massarosa, uno smottamento ha coinvolto un'autovettura: le due persone a bordo, spiegano i vigili del fuoco, sono rimaste bloccate all'interno ma non hanno riportato ferite. La frana ha completamente ostruito la strada: la viabilità è stata ripristinata attorno alle 5. Per un altro smottamento, a Galligano, in Garfagnana, tre le famiglie rimaste isolate.
Sempre nel territorio di Massarosa i vigili del fuoco sono intervenuti per un'altra frana, di grosse dimensioni, La strada statale 67 bis 'Tosco Romagnola' è stata temporaneamente chiusa al traffico in entrambe le direzioni all'Arnaccio.

Anche in Emilia-Romagna è scattata l'allerta arancione. Le precipitazioni stanno generando piene con occupazione delle aree golenali e interessamento degli argini nei tratti a valle dei fiumi Arda, Parma, Enza, Secchia e Reno. Nelle prime ore del mattino è esondato il torrente Quaresimo, nel Reggiano, straripando sulla sp72. Chiuso il ponte di Sorbolo Levante sul fiume Enza, che collega le province di Parma e Reggio Emilia nella zona di Brescello: il fiume ha raggiunto il livello di 11 metri su una soglia di attenzione tre. Ponti 'sotto osservazione' nel Modenese. In Veneto, intanto, cresce l'ansia per le prossime ore. Oggi tra Vicenza e Padova, sulla Milano-Venezia, tutta la circolazione ferroviaria è stata sospesa per la pioggia che si fa insistente. A tutto questo si somma il pericolo valanghe: in Trentino, dove continua a nevicare, il pericolo viene definito forte (grado 4 di 5).

Stesso grado di pericolosità in Veneto e sulle Prealpi e in Piemonte dove vige l'allerta gialla proprio per le valanghe. La giornata finisce con una certa tensione sul Nord Ovest ma, a ben guardare le previsioni, non finirà qui.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza